Inquinamento a Taranto, via alle bonifiche del San Brunone

Con un intervento di tredici milioni e settecentomila euro sarà bonificato il cimitero San Brunone di Taranto. Pubblicato su Gazzetta Ufficiale il bando di gara per la bonifica delle aree non pavimentate del cimitero comunale. Parliamo di un’area di 181mila metri quadrati. Terreno più volte analizzato e risultato inquinato, per la vicinanza alle grandi industrie tarantine. Tanto da sollevare negli anni numerose proteste dei lavoratori del cimitero.

Il momento delle bonifiche è finalmente arrivato. Il termine per la presentazione dell’offerta, fa sapere il Comune, è fissato per le ore 12,00 del  giorno 4 gennaio del 2019.  La zona oggetto di intervento comprende tutta l’area del cimitero e presenta aree non pavimentate (aiuole e campi di inumazione), aree pavimentate (viali) e aree edificate (gallerie e ossari comunali, cappelle sociali). Sostanzialmente l’intervento consisterà, per vari punti, nella rimozione del terreno e nella successiva copertura con il metodo del capping, utilizzato proprio in questi casi. Consiste nell’utilizzo di rivestimenti adeguati, come guaine geosintetiche e geotessuti, e si realizza in tempi e con costi contenuti. Sarà realizzato inoltre un sistema di smaltimento delle acque meteoriche in sostituzione di quello attualmente esistente nella zona a servizio dei campi di inumazione oggetto di bonifica.

Share Button