Bari, palazzine di via Archimede. L’avvocato Laforgia: “Disastro ambientale”

Parla di disastro ambientale, Michele Laforgia, l’avvocato dei familiari delle vittime della palazzina di via Archimede, nel quartiere Japigia di Bari, colpiti da neoplasie rare, a causa della discarica Caldarola. La Procura di Bari ha chiuso le indagini, archiviando il caso, perchè trascorso troppo tempo dall’accaduto, ma i familiari, che hanno costituito il comitato “Archimede 16” non ci stanno e chiedono a gran voce la riapertura delle indagini, perchè, come dichiarato dall’avvocato Laforgia, “ancora oggi si registra l’insorgenza della malattia e la morte per neoplasie rare. Ed ogni volta che questo accade il reato si ripete”. L’ultimo caso, poco tempo fa. Secondo il medico legale Davide Ferorelli, il periodo di latenza delle sostanze inquinanti e tossiche può variare tra i 30 e i 45 anni, quindi il rischio potrebbe persistere ancora oggi.

Share Button