Infertilità e diossina, le donne di TarantoLider: “Avanti con le indagini”

Non si arrendono le donne di TarantoLider. In quarantadue avevano presentato un esposto alla Procura della Repubblica chiedendo di accertare l’eventuale correlazione tra i due fenomeni e le emissioni di diossine e PCB provenienti dall’area industriale. Esposto per il quale, però, è stata richiesta l’archiviazione. Decisione cui le componenti del comitato si oppongo fortemente. Chiedono che si vada avanti con le indagini, considerando la richiesta di archiviazione “ingiusta, ingiustificata è illegittima”. E soprattutto perché, oltre ai danni già in essere, “molte altre bambine e donne sono condannate a subire lo stesso pregiudizio”. 

Altra battaglia riguarda il Protocollo diagnostico terapeutico assistenziale. Per TarantoLider non è sufficiente, anzi rischia di essere dannoso, il solo uso della terapia ormonale. Piuttosto le cure andrebbero allargate alla Ginecologia, l’Immunologia clinica, la Nutrizione e la Psicologia. La terapia ormonale, specie se prolungata, potrebbe causare “deminaralizzazione ossea, embolia (in caso di progestinici) e finanche il cancro alla mammella, in caso di estroprogestinici (fonte IARC, Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro)”.

Alcune vittorie, invece, ottenute dal Comitato, sostenuto dal dottor Stola, Coordinatore dell’Osservatorio regionale sull’endometriosi:  l’inserimento, nelle nuove Linee guida nazionali, della diagnostica per immagini “che finalmente diviene la tecnica di prima scelta nello studio della patologia”. Su questo, “La Regione accrediterà “per competenza” vari ambulatori ospedalieri, avvierà l’aggiornamento tecnologico della strumentazione diagnostica e verrà prevista la necessaria formazione dei medici ginecologi e degli ecografisti”. 

In termini di sensibilizzazione al tema, infine, “possiamo gioire per l’inserimento di un progetto sull’endometriosi nel Piano Strategico Regionale per la Promozione della Salute nelle Scuole, così come da noi richiesto ufficialmente alla Regione nel Marzo 2017”.

Share Button