Crollo Marsiglia, recuperato il corpo di Simona Carpignano

Si è sperato fino alla fine di trovarla viva. Ma tra i corpi recuperati dalle macerie del crollo di Marsiglia c’è anche quello di Simona Carpignano, tarantina, unica italiana coinvolta nella tragedia di lunedì scorso: il cedimento di due palazzine in rue d’Aubagne. La notizia è circolata sulle maggiori testate nazionali. Il corpo è stato portato nell’istituto di medicina legale della città francese. Sono sei le vittime accertate finora. Quattro uomini e due donne. Si contano altri due dispersi.  I dettagli sono stati illustrati in una conferenza stampa tenuta dal procuratore di Marsiglia, Xavier Tarabeux. 

I genitori ed il fratello di Simona Carpignano hanno raggiunto Marsiglia, incontrato la Polizia, il console, hanno fornito dettagli nella speranza costante di ritrovare viva la trentenne. Nelle prossime ore si avranno disposizioni circa l’eventuale autopsia e sul rientro a Taranto della salma.

Simona aveva appena terminato il corso magistrale in Economia equosolidale. Studiava e lavorava. Una ragazza sorridente, positiva, con grandi ideali: così è descritta e ricordata sui social. Avrebbe voluto fare qualcosa per Taranto, aveva raccontato, non molto tempo fa, ad un amico. 

 

Share Button