Puglia al voto in 11 Comuni per i ballottaggi

Urne aperte fino alle 23 per scegliere i sindaci anche a Brindisi e Altamura

Undici Comuni per ventidue contendenti alla poltrona di sindaco. La Puglia torna alle urne per l’ultimo round di voto prima dell’estate. A Brindisi si fronteggiano l’esponente del centrodestra Roberto Cavalera, sostenuto anche da alcune liste civiche, forte di un 34,71%, e il competitor di centrosinistra Riccardo Rossi che ha battuto di misura Gianluca Serra dei Cinque Stelle. Ad Altamura parte in testa Giovanni Saponaro, esponente “civico” che ha ottenuto al primo turno il 30,69% contro il 27,36% di Rosa Melodia in rappresentanza del centrosinistra. Nel barese altri sette sono i Comuni al ballottaggio. Ad Acquaviva delle Fonti scontro tra il sindaco uscente Davide Carlucci, che ha preso il 34,77% il 10 giugno, e l’ex primo cittadino Francesco Pistilli che riparte dal 26,12%. A Casamassima Giuseppe Nitti ha sfiorato l’exploit al primo turno con il 47,47% e ora deve difendersi dalla rimonta di Agostino Mirizio sostenuto da Forza Italia e Fratelli d’Italia. Sfide anomale a Mola di Bari e Conversano: nel primo caso si fronteggeranno due candidati di centrodestra, Giuseppe Colonna forte del 36,16% contro il 32,77% dell’ex sindaco Stefano Diperna, mentre nel secondo Pasquale Loiacono riparte dal 31,90% contro il 27,50% di Pasquale Gentile. Entrambi sono esponenti di centrosinistra. A Noci l’ex senatore fittiano Pietro Liuzzi e il candidato del centrosinistra Domenico Nisi ripartono dal sostanziale pareggio del primo turno. A San Nicandro Garganico confronto classico tra centrodestra e centrosinistra con Costantino Ciavarella che cercherà di far valere il suo 34,31% contro Mario D’Ambrosio che si è fermato al 28,07%. Ballottaggio anche a Bisceglie tra i civici Angelantonio Angarano e Giovanni Casella. Infine nel brindisino si voterà a Francavilla Fontana con Maurizio Bruno del centrosinistra che parte davanti ad Antonello De Nuzzo sostenuto da liste civiche, e a Oria dove la sfida è tutta nel centrodestra tra Giuseppe Carbone e Maria Lucia Carone.

 

Share Button