Ilva: Di Maio ha incontrato i commissari, poi tocca a Mittal e sindacati - trmtv

Ilva: Di Maio ha incontrato i commissari, poi tocca a Mittal e sindacati

Sono i commissari straordinari dell’Ilva i primi ad aver incontrato il ministro allo Sviluppo economico, Luigi Di Maio, il quale ha più che altro ascoltato Enrico Laghi, Piero Gnudi e Corrado Carrubba sulla trattativa per la cessione del siderurgico, sullo stato delle cose e sul dossier sull’Ilva.

Per ora «Un incontro puramente informativo – dichiara al Sole24Ore – un incontro per valutare la situazione. Entro la fine di questa settimana incontrerò tutte le parti coinvolte», afferma Di Maio, a partire dai vertici di Arcelor Mittal e poi sarà la volta dei sindacati, anche se ancora non hanno ricevuto convocazioni.

I metalmeccanici di Taranto hanno chiesto, intanto, al ministro, di tenere conto della possibilità di prorogare la gestione commissariale di 90 giorni, per consentire di riprendere la trattaiva “senza pressioni”. Non è una decisione che spetta solo a Di Maio. Serve il consenso dei commissari stessi e dell’azienda acquirente. E serve soprattutto un rifinanziamento per mandare avanti l’Ilva, facendo slittare dunque anche la scadenza del 30 giugno: termine ultimo di erogazione dei fondi pubblici. Operazione che allerterebbe l’Europa sulla eventualità che il finanziemento rappresenti, cosa illegittima, un aiuto di Stato. Insomma Di Maio dovrà pronunciarsi a stretto giro.

Nel frattempo Taranto chiama il ministro. E’ atteso dal sindaco Rinaldo Melucci. Atteso dalle associazioni Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti,  FLMUniti-CUB, Giustizia per Taranto, Tamburi Combattenti, Taranto Respira, Tutta Mia La Città e liberi cittadini. Atteso dagli elettori, soprattutto dalla fetta ambientalista, per meglio capire la linea che seguirà per Taranto.

Share Button