Calenda: “Non litigherò con nessun Dem. Chiedo deroga a Emiliano”

Nessuna replica, almeno per ora, dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano agli ultimi cinguettii di Carlo Calenda su Twitter. L’ormai ex ministro dello Sviluppo economico inizia a gettare le reti per pescare consenso (annunciata la sua candidatura alle prossime elezioni) e farsi spazio nelle nuove acque della politica. Lo fa con un patto: “Prometto di non litigare con nessun Dem – scrive – e ad Emiliano chiedo una deroga”. E poi, bisogna “Incominciare a far nascere comitati civici che possano sostenere un Fronte Repubblicano contro lo sfascio alle prossime elezioni. Che organizzino incontri per spiegare cosa vuol dire per l’Italia uscire dall’Europa e piegare le nostre istituzioni al volere di Lega e M5S”. “Sono ragazzini incompetenti e arroganti che non capiscono le conseguenze delle loro azioni – dichiara, parlando di Matteo Salvini e di Luigi Di Maio, e una possibile alleanza tra M5s e Lega, afferma: “Secondo me non c’è nessun piano. Ciò detto ora basta parlare di loro, dobbiamo organizzarci noi. Il tempo è poco. Intanto tutti in piazza venerdì”.

Share Button