Arif: sindacati Puglia, proposte per occupazione pi stabile

I sindacati di categoria Nidil Cgil, Felsa Cisl e Uiltemp Uil di Puglia hanno inviato al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, al direttore generale della Regione, Domenico Ragno e all’assessore regionale all’Agricoltura, Leonardo di Gioia, una proposta per garantire pi stabilit occupazionale ai lavoratori somministrati dell’Arif, l’Agenzia regionale per le attivit irrigue e forestali, e per implementare le attivit di prevenzione degli incendi per tutelare il territorio sui piani ambientale ed economico. Le proposte sono accompagnate da una richiesta di incontro con i vertici regionali. Nella lettera i sindacati sottolineano che l’Arif ” tra le pi grandi societ pubbliche della Regione Puglia, cui spettano compiti fondamentali come la salvaguardia dei boschi e la gestione irrigua delle campagne, con una rete idrica di ben 2.500 chilometri”. Per far fronte all’ingente mole di attivit, aggiungono i sindacati, ogni anno l’Agenzia ” costretta a ricorrere ad un piano di assunzioni di lavoratori in somministrazione. Nell’anno 2017, sono stati assunti 290 lavoratori somministrati, di cui 220 per le attivit forestali e 70 per le attivit irrigue”. Nel 2017, ricordano Cgil, Cisl e Uil, gli incendi verificatisi nel periodo dal 15 giugno al 15 settembre sono stati 5.145 (923 dei quali, il 18%, ha interessato i boschi), con una media giornaliera di 55 eventi (dati Sigea), e per 97 incendi, quasi esclusivamente nella provincia di Foggia, stato necessario l’intervento aereo di Canadair. Il bilancio di previsione della Regione Puglia per il 2018, ricordano ancora i sindacati, all’art. 82 prevede una dotazione finanziaria di 300 mila euro per consentire l’aumento delle giornate lavorative per il personale a tempo determinato assunto annualmente dall’Arif attraverso le agenzie interinali per una maggior tutela del territorio, misura finanziaria assegnata anche per ciascuno degli esercizi 2019 e 2020″.

Share Button