Giovinazzo, il corteo storico della Festa Patronale compie 50 anni

Oltre 200 i figuranti che hanno sfilato per strada per la Madonna di Corsignano
Narra la storia che intorno al 1187 un crociato francese, tale Gereteo Alesbojsne, di ritorno dalla Terrasanta passò dalle campagne di Giovinazzo e decise di donare alla chiesetta del casale di Corsignano un’icona della Madonna, recuperata da un tempio di Edessa, in Mesopotamia. Da allora la Madonna di Corsignano viene ritenuta protettrice della città, e da 50 anni Giovinazzo dedica, attraverso la sua Pro Loco, la giornata del sabato nel programma delle celebrazioni della festa patronale al corteo storico che rievoca le vicende del quadro della Madonna. Una tradizione che l’anno scorso si era interrotta, e che è ripresa nel 2017 proprio con la cinquantesima edizione, che ha visto sfilare per il centro di Giovinazzo oltre 200 figuranti, che hanno messo in scena le principali fasi della storia della città, compresa la fase della dominazione spagnola tra il 1677 e il 1731, quando l’icona venne spostata dal casale di Corsignano in Cattedrale. Un appuntamento che per i giovinazzesi rappresenta il culmine dei festeggiamenti dedicati alla Santa Patrona, insieme alla processione di oggi del quadro per le vie del centro storico e nel porto della cittadina, conclusa dallo spettacolo pirotecnico.

 

Share Button