Vaccinazioni obbligatorie per gli alunni pugliesi. Previste sanzioni per i genitori inadempienti

Saranno 10 le vaccinazioni obbligatorie richieste ai bambini e ragazzi fino ai 16 anni, compresi i minori stranieri non accompagnati, presenti sul territorio italiano. Codici colorati, archivi digitali e decine di migliaia di lettere pronte a partire. Questo il piano messo a punto dalla Regione Puglia per evitare che l’introduzione delle vaccinazioni obbligatorie provochi disordini all’inizio dell’anno scolastico negli istituti pugliesi; obbligo sancito dal decreto legge convertito il 7 giugno scorso. Le vaccinazioni sono essenziali per l’iscrizione all’asilo nido, alla scuola materna e ai servizi integrativi, compresi quelli privati. In assenza della idonea documentazione sarà infatti impossibile iscrivere e frequentare la struttura scolastica. Sono previste sanzioni pecuniarie dai 100 ai 500 euro per i genitori che non rispetteranno l’obbligo di vaccinazione. Con la collaborazione dei dipartimenti di prevenzione delle Asl e della società che gestisce l’anagrafe vaccinale regionale, si sta mettendo a punto un sistema che, incrociando gli elenchi degli alunni iscritti con i dati presenti nel sistema informativo regionale, darà immediata indicazione degli alunni in regola (codici verdi) degli alunni che devono completare la profilassi (codici gialli) e degli alunni che non sono in regola con gli obblighi vaccinali (codici rossi). Per avere maggiori informazioni, il Ministero ha predisposto il numero gratuito 1500, disponibile dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 16, a cui rispondono medici esperti del Ministero della Salute.

 

Share Button