Cessione Ilva, incontro al Mise con i metalmeccanici: si teme già per 2400

Giornata storica per l’Ilva e per Taranto. L’azienda torna a essere privata. Termina il periodo di commissariamento straordinario. Il parere del Mise completerà l’iter di cessione del siderurgico alla Am Investco Italy, individuata dai commissari Gnudi, Carrubba e Laghi, quale cordata con l’offerta migliore, rispetto a quella della Acciatalia, con Jindal prima azionista. Quella del Mise potrebbe però ancora non essere l’ultima parola: potrà seguire una “fase di negoziazione in esclusiva con il soggetto offerente per la definitiva implementazione dell’operazione”. Intanto il ministro Calenda si confronta con i sindacati metalmeccanici, le cui preoccupazioni sono maturate fin da subito: si prevede un taglio di 2400 persone. Per i sindacati il Governo ha l’obbligo di garantire questo aspetto, oltre che la tutela ambientale. “Diversamente – fa sapere la Cgil di Taranto – metteremo in campo azioni di lotta per salvaguardare il futuro dell’Ilva e di Taranto”. Il piano di Arcelor Mittal e Marcegaglia, lo ricordiamo, prevede nel lungo periodo la produzione di 9,5 milioni di tonnellate di prodotti finiti, il rifacimento dell altoforno 5 ma anche l’ implementazione di nuove tecnologie, e l’apertura di un Centro di ricerca e sviluppo.

Share Button