Petrolio, sversamento al Cova. Gli ultimi aggiornamenti

Una prima bozza della relazione finale dei tecnici dell’ISPRAB all’opera – com’è noto – presso l’Eni di Viggiano per verificare lo stato di avanzamento dei lavori, al fine della messa in sicurezza dell’intero impianto, dopo lo stop alla produzione imposto dalla Regione a fronte di uno sversamento di greggio, potrebbe essere pronta entro la fine della prossima settimana. Un documento che risulterà fondamentale per l’eventuale via libera alla riapertura del Cova. Tra i lavori che Eni ha comunicato essere pronti: il doppio fondo del serbatoio D, responsabile della perdita. Per gli altri due si dovrà aspettare fine primavera inizio estate. Per procedere con la bonifica, poi, sarà necessario il piano di caratterizzazione – il cui tempo necessario è stato commisurato dalla compagnia in 8 mesi – e per il quale mancherebbe una delibera della Regione. Via libera probabile entro maggio. Proprio nella giornata del 26 di Maggio una nuova squadra di tecnici specializzati dell’Isprab a Viggiano per completare la visita e i controlli.

Share Button