Csm processa Emiliano: governatore, prima volta che accade

 

Michele Emiliano in audizione in commissione bilancio alla Camera

‘Sono l’unico magistrato nella storia della Repubblica italiana eletto democraticamente dal popolo come Presidente della Regione, al quale la Procura generale della Cassazione contesta l’iscrizione ad un partito politico, nonostante non svolga le funzioni di magistrato da 13 anni causa l’espletamento di mandato elettorale’. Lo afferma in una nota il
presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, in riferimento al procedimento disciplinare avviato dal CSM nei
suoi confronti. ‘In questi 13 anni ho sempre fatto politica all’interno di formazioni politiche assimilabili a partiti politici, prima liste civiche e poi nel PD a partire dal 2007 – prosegue – L’ho fatto sin dall’inizio richiedendo l’aspettativa anche se la legge non mi obbligava a farlo. L’aspettativa infatti serviva a far cessare l’esercizio delle funzioni ed a rispettare il
divieto di iscrizione ai partiti per i magistrati. Ho avuto per questo un blocco di carriera che avrei evitato se avessi scelto
di rimanere in servizio come la legge mi consentiva’.  ‘Secondo la teoria accusatoria – aggiunge – dunque esisterebbero due tipi di politici in Italia. Quelli che una volta eletti dal popolo hanno il diritto di costruire la politica nazionale dentro i partiti ai sensi dell’art. 49 della Costituzione, che recita,’Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale’. E quelli, che possono si’ essere eletti, ma devono rimanere da soli, senza la possibilita’ di fare politica in partiti o gruppi parlamentari di partito’. ‘Tra questi ultimi –
prosegue – ci sono solo i magistrati. Che dovrebbero dunque farsi eleggere senza candidarsi in liste di partito o iscriversi
a gruppi parlamentari. Che differenza infatti vi sarebbe tra una tessera di partito e la candidatura in un partito o l’iscrizione ad un gruppo parlamentare?’. ‘Non temo dunque il giudizio del CSM al quale – conclude – mi rimetto con fiducia’. (ANSA).

Share Button