L’onorevole Speranza aggredito a Potenza: denunciato un giovane di 27 anni, considerato vicino agli ambienti dell’antagonismo di sinistra

Un giovane ha lanciato un i-pad contro il deputato del Pd Roberto Speranza nella serata di sabato, a Potenza, durante la presentazione di un libro di ‘Zerocalcare’. Speranza e’ rimasto illeso. Il giovane ha gridato che ‘il Pd vende armi all’Isis’ e che Speranza andava ‘ammazzato’. E’ stato bloccato da alcune persone. Il giovane di 27 anni, considerato vicino agli ambienti dell’antagonismo di sinistra, è stato denunciato quale presunto responsabile delle minacce gravi subite, a Potenza, dall’ex capogruppo del Pd alla Camera, Roberto Speranza. Oltre che di minacce gravi nei confronti di Speranza, il giovane – originario di Napoli ma residente a Firenze – è accusato anche di violenza e minacce ad un corpo politico, aggravate dal lancio di oggetti contundenti, l’ipad di Speranza che egli stesso ha lanciato contro il parlamentare, colpendolo ad un braccio. Bloccato da alcuni presenti e da suoi conoscenti, il giovane si è allontanato dall’Università, ma è stato identificato dalla Digos della questura di Potenza e dai Carabinieri e prelevato in una casa di Rionero in Vulture (Potenza), dove era ospite di alcuni suoi amici. Ha ammesso di essere stato presente al convegno e di aver accusato Speranza e il Pd di finanziare l’Isis attraverso il sostegno alla Turchia che, secondo lui, acquisterebbe petrolio dai terroristi del califfato. Con il giovane che ha colpito Speranza ha collaborato, ma solo nell’esposizione di uno striscione, un altro giovane, anch’egli residente nel Vulture-Melfese, che è stato solo identificato dai Carabinieri. Speranza, rimasto illeso, ha continuato il suo intervento fino alla fine. Il parlamentare lucano ha parlato di “episodio gravissimo” ma, su facebook, ha sottolineato che “la violenza non può fermare la discussione democratica. La democrazia – ha aggiunto – non può essere fermata”. “Solidarietà e vicinanza” al deputato è stata espressa da tutto il Pd a partire dal segretario Matteo Renzi. Mentre il vice segretario Lorenzo Guerini ha parlato di “gesto sconsiderato e inaccettabile”. “Vicina a Speranza, preoccupa clima crescente odio verso parlamentari ed esponenti politici”, è stato invece il tweet di solidarietà della presidente della Camera Laura Boldrini. E messaggi di vicinanza sono arrivati anche da Sinistra Italiana, con Nicola Fratoianni, e dai Conservatori e Riformisti, con Cosimo Latronico. Il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, ha telefonato a Speranza e gli ha manifestato “solidarietà” a nome di tutti i lucani: “Qualsiasi tentativo di minare la libertà altrui – ha sottolineato – va condannato senza alcune esitazione”. “Il gesto di uno sconsiderato, con motivazioni farneticanti che non meritano un commento, ma certo ogni comportamento in questi casi va seguito con attenzione perchè si verifica in un clima generale difficile e genera a sua volta tensione, sotto tanti aspetti”. Così l presidente del Consiglio regionale della Puglia, Mario Loizzo, nell’esprimere solidarietà a Speranza.

Share Button