Gestione Comune di Matera. Botta e risposta tra Salvatore Adduce e Raffaello De Ruggieri

comuneBotta e risposta nelle ultime ore nella città dei Sassi tra l’ex sindaco e consigliere comunale Salvatore Adduce e l’attuale primo cittadino Raffaello De Ruggieri. A fronte di un clima di sostanziale stagnazione dell’attività – dice Adduce – si vanno moltiplicando iniziative improvvide e spesso completamente illegittime. C’è commistione indegna di interessi privati nella gestione pubblica, – ha sottolineato – come dimostra la pratica dell’Associazione “Fare Verde Onlus”, in merito alla quale fa sapere è stata depositata la richiesta di revoca dell’assessore Amenta in quanto tra i soci fondatori del sodalizio. Fortunatamente i nostri nuovi amministratori hanno avuto la possibilità di inaugurare opere frutto del lavoro e dell’impegno della precedente amministrazione. Incertezza assoluta poi sul bilancio comunale. Non vogliamo aprire il capitolo Matera 2019 conclude adduce dove nulla è dato sapere. A seguire la risposta di De Ruggieri. Se è vero che la questione “Fareverde onlus” investe la responsabilità di un componente della giunta, tanto da imporre la doverosa revoca di una delibera improvvida, tutto il resto è censura di azioni inesistenti. Sulla fruizione pubblica di opere impostate dalla passata giunta, sottolinea – le stesse giacevano in una condizione di inerzia. Sulla utilizzazione di servizi comunali, nessun assessore è in possesso di cellulari di servizio. Quanto a Matera 2019 è in corso di definizione una propedeutica governance. Sempre ieri De Ruggieri ha reso noto che sono stati predisposti dall’amministrazione gli emendamenti alla Legge di stabilità , in cui si chiede: la deroga ai vincoli del patto di Stabilità, il completamento del restauro dei Sassi e della Murgia ed il rafforzamento della struttura progettuale e gestionale del Comune.