Expo 2015, chiusura dell’evento al 31 di Ottobre. Tempo di bilanci

expo 2015Si chiude il 31 di ottobre 2015 a Milano la grande esposizione universale Expo 2015; una kermesse iniziata nel mese di Maggio che con un palinsesto incentrato sull’alimentazione e la nutrizione ha trasformato Milano nella più grande vetrina mondiale in cui i paesi hanno potuto mostrare al meglio le proprie tecnologie declinate a garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti popoli; una piattaforma in cui ci si è potuti confrontare su idee e soluzioni condivise iinerenti questi tematiche. Circa 140 paesi e organizzazioni internazionali coinvolte su una superficie di circa 1,1 milioni di metri quadri. Da una prima stima sembrerebbe essere stata abbondantemente superato l’obbiettivo dei 20 milioni di visitatori attesi. Ma qual è l’eredità di Expo 2015? “La gioia – ha risposto Piero Galli – direttore generale divisione gestione evento; al di là di aver ospitato tantissima gente, tantissimi capi di stato e tanti territorio e nazioni, rimane la gioia di essere riuscito a portare un progetto superando tutte le fatiche che questo ha comportato”. Dall’8 al 23 di maggio anche la Basilicata è stata presente con il suo padiglione ad Expo 2015, ma lo è stata anche nei mesi a seguire con i suoi eventi organizzati fuori expo sempre a Milano, e sul territorio lucano nell’ambito della iniziativa Da Expo ai territori. Tra i tantissimi appuntamenti, ricordiamo quelli dedicati a pane, vino, acqua ma anche quelli incentrati al cinema, la grande sottolineatura su Matera capitale europea della cultura 2019, il prossimo evento che dopo expo 2015 porrà l’Italia sotto i riflettori del mondo ed il racconto che il regista americano, di origini lucane, Francis Ford Coppola ha fatto della sua Basilicata a Milano. Tutti incontri, tra l’altro, di cui trm network ha dato contezza con ampi reportage e dirette sul posto e che oggi giorno dell’ingresso della all news trm h 24 in Puglia sul canale 16 del digitale terrestre ci piace sottolineare con particolare orgoglio. “Le tante vocazioni del territorio italiano hanno colto questa opportunità in maniera virtuosa e sicuramente la Basilicata è tra queste – ha detto il Governatore lucano Pittella – con Matera capitale europea della cultura 2019  avrà la possibilità di amplificare ancora le sue specificità” Ora servirà mettere a valore tutta la visibilità e le buone pratiche raccolte da questo grande evento.

Share Button