La tragedia di Potenza. De Luca visita i feriti, per i funerali lutto cittadino

Donato Gianfredi (a sinistra) Agostino Carullo (a destra)

Donato Gianfredi (a sinistra)
Agostino Carullo (a destra)

E’ finita in tragedia sabato sera a Potenza, in Contrada Dragonara, quella che avrebbe dovuto essere una serata d’intrattenimento e di riflessione su una importante pagina del passato lucano: la rievocazione storica dell’era del brigantaggio. La rappresentazione era appena iniziata. Da un’ora circa – si apprende dalle agenzie di stampa; “era stata allestita la scena della fucilazione di un brigante: sei comparse in abiti militari stavano per eseguire la sentenza di morte, quando uno o forse due dei fucili di scena sono esplosi”. L’epilogo è di quelli che lasciano sconcertati . Due figuranti morti, cinque persone in ospedale, tra cui un bambino di 5 anni in prognosi riservata e numerosi spettatori raggiunti da schegge. Oltre al bambino, tra i 5 feriti – si apprende dall’Ansa – “c’è un uomo, per il quale è stata inevitabile l’amputazione dell’avambraccio, una donna, che se la caverà con una frattura guaribile in un mese e altre due persone – ha riferito sempre all’Ansa l’azienda ospedaliera San Carlo – che sono state medicate per escoriazioni di poco conto”. Agostino Carullo, 55 anni e Donato Gianfredi di 56, le due vittime della triste vicenda erano molto noti nella comunità potentina; erano, infatti, tra i portatori della “Iaccara” della storica Parata dei turchi, il seguitissimo evento che si svolge nell’ambito delle celebrazioni per il santo patrono, San Gerardo. Carurllo è morto all’istante, Gianfredi poco dopo l’ingresso in sala operatoria.

Il Sindaco di Potenza, Dario De Luca, nel portare il suo saluto ai feriti ricoverati presso il San Carlo, ha annunciato che quella dei funerali delle due vittime sarà una giornata di lutto cittadino. Continuano le indagini della Polizia per ricostruire quanto avvenuto in contrada “Dragonara”: gli investigatori hanno fatto altro rilievi dove è avvenuto lo scoppio; la loro attenzione si concentra sopratutto sul fucile che è esploso.

 

Share Button