Tari, Adduce presenta emendamento per ridurla e attacca Regione sul Piano rifiuti mancante

adduce centrosinistraSaranno le questioni squisitamente economico finanziarie, attinenti il bilancio di previsione 2015, con le annesse approvazioni, a tenere banco, domani, nel consiglio comunale di Matera, convocato in prima convocazione alle 17 e 30 ed in seconda il 31 di agosto, per la stessa ora.

In attesa della seduta, questa mattina presso il Palazzo di Città, conferenza stampa del gruppo di centro sinistra finalizzato a ritornare su alcune questioni che hanno animato il dibattito pubblico materano degli ultimi giorni.

“Non si può – ha detto il capogruppo del Partito democratico all’opposizione in Consiglio Comunale a Matera, Salvatore Adduce, sottolineando nel contempo il ritardo con cui il bilancio si appresta ad essere approvato – aumentare dell’80 per cento la Tasi, la tassa sui servizi indivisibili e del 70 – 80 per centro la Tari, il balzello sui rifiuti. E’ per questo che abbiamo già depositato in Commissione bilancio un nostro emendamento con il quale riduciamo la pressione fiscale della Tari di circa un milione e mezzo di euro”.

La manovra si rende possibile – ha spiegato – finanziando parte dei costi per “Servizi aggiuntivi”, così come risultano dalla relazione allegata al bilancio di previsione e ammontanti in circa 727 mila euro, con una corrispondente riduzione del capitolo Uscite (spese per liti) proprio in considerazione della loro eccezionalità. In secondo luogo – ha precisato il Consigliere – è realisticamente possibile ridurre i costi previsti per il conferimento rifiuti presso altra discarica, (Melfi e Tricarico dato l’esaurimento tecnico dei volumi di La Martella), in misura di 800 mila euro.

Questo, sulla base di pagamenti già effettuati per i primi tre mesi. Siamo ben consapevoli delle difficoltà – hanno chiarito dal tavolo – in cui l’Amministrazione in cui si ritrova a causa del taglio effettuato dal Governo sul fondo di solidarietà comunale per quasi due milioni e mezzo di euro e dei costi eccezionali e non ripetibili per il trasferimento rifiuti che si è ritrovata a gestire, ma non si possono affrontare i problemi semplicemente aumentando le tasse.

Proprio sulla questione trasferimento rifiuti in altre discariche con conseguente aggravio del bilancio, Salvatore Adduce ha attaccato la Regione insieme alle Province, sottolineando i loro ritardi nella definizione di un piano regionale dei rifiuti. Tutti i comuni si stanno ritrovando per questo motivo, in tale situazione – ha detto. Poi, alcune frecciate al Sindaco De Ruggieri; “queste sono questioni – ha detto – in cui il primo cittadino deve metterci il petto. Non possono essere affrontate in maniera squisitamente tecniche dal pur bravissimo Assessore al ramo Quintano”. Infine Matera 2019; “è stata stralciata la voce che prevede una quota annuale di 80 mila euro alla fondazione, questo – ha concluso – mentre provincia di Potenza e Comune di Potenza continuano a prevederla”.

Share Button