Lauria. Varata l’unione dei comuni del Lagonegrese Noce-Mercure-Sinni

Unione dei ComuniLAURIA – L’unione dei comuni dell’area del Lagonegrese situati nel comprensorio Noce-Mercure-Sinni è divenuta realtà: proprio ieri pomeriggio, nella sala consiliare del comune di Lauria, c’è stata la cerimonia ufficiale alla presenza del notaio Nicola Guerriero, con l’approvazione dell’atto costitutivo e dello statuto da parte dei sindaci dei nove paesi interessati; in sostanza tutti i comuni dell’area sud della regione dal basso Cilento alla costa Tirrenica.

Si tratta di Castelluccio Inferiore, Castelluccio Superiore, Nemoli, Rivello, Trecchina, Maratea, Latronico e Lauria, i cui primi cittadini De Maria e Mitidieri sono stati i promotori del progetto ed i veri motori dell’iniziativa. “L’obiettivo è di ridurre i costi e migliorare i servizi a disposizione degli abitanti – ha ribadito ai nostri microfoni il sindaco di Latronico De Maria – e di valorizzare al contempo in chiave turistica le risorse naturali del territorio, rispolverando il vecchio progetto “mari, monti e terme”.

L’organismo appena varato si appresta a svolgere un ruolo di raccordo istituzionale di grande valenza: si occuperà innanzitutto di programmazione, di raccordo di funzioni catastali, di forestazione, trasporti locali e gestione dei rifiuti, in attesa di acquisire ulteriori competenze che gli saranno verosimilmente attribuite da altri enti, a cominciare dalla manutenzione delle strade attualmente in carico alla Provincia.

L’unione sarà composta dalla giunta dei sindaci dei nove comuni che hanno aderito – l’organo esecutivo – e da un consiglio strutturato su tre livelli differenti di rappresentanza. Due consiglieri per i comuni sotto i 3000 abitanti, tre per quelli fino a 10000 e quattro per quelli più grandi; praticamente solo Lauria avrà quattro rappresentanti, tre andranno a Lagonegro e Maratea e tutti gli altri municipi incluso Latronico ne avranno due.

Sarà poi il consiglio così composto, che dovrà garantire la presenza di almeno un consigliere di opposizione per ogni comune, ad eleggere a rotazione il presidente dell’unione – il cui mandato avrà la durata di una anno – tra uno dei sindaci e sulla base delle indicazioni della stessa giunta. “Abbiamo condiviso un percorso particolarmente significativo, di cui siamo stati capofila, con tutti i comuni interessati e all’interno del nostro consiglio – ha dichiarato nel corso della conferenza stampa il primo cittadino di Lauria Gaetano Mitidieri, che molti indicano come presidente in pectore dell’unione – che ha consentito la realizzazione di un obiettivo concreto, motivo per noi di grande soddisfazione. L’auspicio è che possa divenire uno strumento in grado di elaborare una visione strategica ed attuare politiche di sviluppo coerente del territorio superando ogni forma di campanilismo; siamo solo all’inizio ed incontreremo molte difficoltà, ma ci siamo incamminati sulla strada giusta “.

Share Button