Inaugurato a Matera anno accademico 2014/2015 Scuola Archelologia

anna accademico archelogiaInaugurato, ieri, a Matera, l’anno accademico 2014 2015 della “Scuola di specializzazione in beni archeologici” dell’Università degli studi della Basilicata; indirizzo, ricordiamo, con sede nella città dei Sassi. Durante la cerimonia che ha visto la partecipazione, tra gli altri, del Rettore dell’ateneo lucano Aurelia Sole e del Direttore della scuola in questione Francesca Sogliani, sono stati evidenziati alcuni risultati centrati nell’anno appena trascorso; tra questi l’individuazione dell’area di zecca negli scavi di Policoro, sempre qui, nel sito Herakleya, i rinvenimenti dell’acciottolato (la pavimentazione originaria) e di altri reperti del VII secolo a.c. Rimanendo ancora in provincia di Matera, ma a Montescaglioso, sono state illustrate le campagne di scavo realizzate con l’archelogia biomolecolare ed l’interessante studio effettuato e da effettuare sui reperti di questo sito che fornirà in futuro indicazioni sulla cultura alimentare e commerciale del tempo. In merito ai lavori realizzati, in Provincia di Potenza, a Torre di Satriano, è stata sottolineata la scoperta di alcuni tondelli in bronzo, sempre in questa località è stata svelata la presenza della dimora di un capo risalente al VI secolo a.c. Rinvenuti inoltre qui – è stato evidenziato – il sistema di deflusso delle acque e di accesso ad un complesso residenziale, monete e vasellame del tempo. L’inaugurazione, che ha visto anche la consegna delle pergamene a 20 studenti specializzati, e’ stata preceduta da una interessante tavola rotonda sul tema ”Grande Progetto Pompei”, una iniziativa di riqualificazione del sito archeologico campano nella quale – ha detto Massimo Osanna, Soprintendente per i beni archeologici di Pompei sono coinvolte anche alcune strutture di ricerca della Basilicata come il Centro di Geodesia Spaziale di Matera che con la rete dei satelliti cosmo Skymed consente il monitoraggio di eventuali spostamenti di strutture che possono causare crolli sul patrimonio archeologico.

Share Button