“Poesie” di Pierro. Successo di pubblico per la presentazione della ristampa anastatica

pierroTURSI – E’ stata presentata, sabato, a Tursi, la ristampa anastatica di alcune poesie del poeta Albino Pierro, nato nel paese in provincia di Matera nel 1916 e spentosi a Roma nel 1995; la presentazione del testo, intitolato, per l’appunto, “Poesie” per i tipi Dell’arco 1958, si è tenuta per iniziativa del “Centro studi e parco letterario” a lui dedicato. Una infanzia segnata dalla perdita della madre quella di Pierro, la cui vicenda ha influenzato molto la sua poetica, così come a caratterizzare i suoi versi è stata anche la lontananza dal suo paese natio. Formatosi infatti lontano, dalla Lucania, tra Taranto, Salerno, Sulmona, Udine e Novara, approda nel 1939 a Roma dove nel 1944 si laurea in filosofia e lì inizia ad insegnare nei licei. Dal 1946 al 1967 Pierro pubblica raccolte poetiche in lingua, che testimoniano, subito, la sua ineccepibile vocazione lirica; ma sono i versi in dialetto a collocarlo nel panorama dei poeti italiani del novecento. La prima raccolta in tursitano “A Terra du ricorde” risale al 1960. I primi riconoscimenti italiani e internazionali in suo onore risalgono agli anni ’80: l’Università di Stoccolma lo invita per una lettura dei suoi versi, l’Universita di Basilicata gli riconosce la laurea honoris causa, nel 1993, infine, gli incontri con la Scuola Normale superiore di Pisa. Più volte si parlo di lui come uno dei candidati al Nobel per la letteratura. Obiettivo purtroppo mai centrato dal poeta lucano. Alla presentazione del testo, accompagnata anche da musica di artisti locali erano presenti, tra gli altri, il Vicepresidente del Parco letterario Albino Pierro, nonche Sindaco di Aliano, Luigi De Lorenzo ed il il professore ordinario di letteratura italiana, presso l’Università di Bari, Francesco Vitelli. Le poesie sono state lette dall’attrice Antonella Stefanucci.

Share Button