Altragricoltura e Fabbris denunciano Procuratore Repubblica di Matera, Gravina

fabbris conteMatera – Conferenza stampa stamani del dirigente lucano di Altragricoltura Gianni Fabbris, coinvolto nel mese di Agosto, in una ordinanza emessa dalla Procura della Repubblica di Matera, contenente, per lui, un obbligo di dimora; punto di partenza della vicenda: la vendita all’asta per 80 mila euro circa dell’azienda agricola Conte, sita tra Policoro e Tursi; secondo Altragricoltura e Fabbris, nella vendita è stato contemplato un valore assolutamente sporporzionato, in quanto, la stessa vale circa 600 mila euro. A parere del tribunale, Fabbris, nell’ambito della sua attività di dirigente di Altragricoltura, organizzazione che difende il proprietario originario, avrebbe impedito più volte l’ingresso dei nuovi proprietari nell’azienda, creando per lui l’ipotesi di reato di violenza privata. L’esecutivo nazionale di Altragricoltura ha sottolineato proprio ieri in un comunicato che nell’atto della Procura della Repubblica non si fa mai riferimento al fatto che Gianni Fabbris è un dirigente sindacale e che tutti gli atti assunti sono stati compiuti a nome del sindacato che dirige. “Ora la discussione si estende a più ampio raggio – ha detto Fabbris – non ci stiamo a farci scippare il terreno della legalità ; ecco perchè stamani ha presentato atto di querela nei confronti del Procuratore della Repubblica di Matera Celestina Gravina. Nel video che segue una dichiarazione di Gianni Fabbris:

 

Share Button