Sciame sismico Piana Metaponto. Notriv chiede commissione d’indagine

terremotoContinuano a turbare la tranquillità dei lucani le piccole scosse di terremoto che a partire da martedì 12 di Agosto si stanno registrando nella zona definita come Piana di Metaponto dalla rete sismica nazionale; l’ultima in ordine cronologico, ricordiamo, si è verificata stamani alle ore 7 e 12 con magnitudo 2,2. C’è chi, come il Comitato Mediterraneo no triv, non resta fermo a guardare e chiede espressamente alle istituzioni di tenere alta l’attenzione sulla questione senza sottovalutare nessun aspetto. Anche perché – fanno intendere – la Basilicata non è nuova a fenomeni di questo tipo: il chiaro riferimento è allo sciame sismico che da anni infelicita, a volta anche con picchi preoccupanti, la zona del Pollino. “Esistono delle correlazioni tra l’estrazione d’idrocarburi e i terremoti registratisi negli ultimi anni?” E’ questa la domanda principale alla quale No triv vorrebbe vedere associata una risposta. Le istituzioni – dicono – hanno l’obbligo non solo di vigilare e monitorare la sismicità del territorio ma anche di individuare le cause. Non sarebbe il caso – si chiedono – di istituire una commissione d’indagine costituita da esperti e scienziati al fine di studiare il fenomeno degli sciami sismici lucani? Inoltre – si chiedono ancora – per coloro i quali lavorano e vivono nei pressi dei pozzi di petrolio o gas, in caso di scosse più intense, sarebbe pronto un piano di emergenza per garantire la sicurezza? Domande legittime … alle quali sicuramente in molti lucani vorrebbero vedere associate opportune e rassicuranti risposte…

 

Share Button