Ferrandina, fallimento Mythen: ora preoccupa la sicurezza ambientale del territorio

Ingresso dello Stabilimento Mythen

Ingresso dello Stabilimento Mythen

Il fallimento della Mythen, azienda che produce biodiesl in Val Basento dal 2003, desta, al momento, preoccupazioni su tre fronti: quello occupazionale, con le sue 70 posizioni lavorative circa per le quali si configurerebbe lo spettro della disoccupazione, su quello industriale, una produzione all’avanguardia, come quella del bio diesel, che verrebbe meno nel territorio lucano, e in ultimo, e non sicuramente per ordine d’importanza, su quello ambientale. Così come anticipato, infatti, da un lavoratore dell’azienda, giovedì sera, durante un’assemblea, convocata dal Sindaco di Ferrandina, Saverio D’Amelio, utile a confrontarsi sul futuro di questa realtà produttiva, il rischio che ora si corre è quello dell’inquinamento ambientale del territorio; c’è per esempio, di sicuro, sull’area, ha confermato il dipendente, un silos di 2500 metri cubi di liquido pericoloso che potrebbe cedere da un momento all’altro. Ed in effetti, a leggere un verbale di accertamento urgente sui luoghi sollecitato da Prefettura di Matera e Regione Basilicata e realizzato poi dall’azienda Sanitaria di Matera in collaborazione con l’Arpab, si segnalava, sin da Aprile 2013, con il beneficio del dubbio che la situazione possa essere anche parzialmente mutata, la presenza di metanolo puro per una quantità di circa 20 tonnellate; di metanolo non puro per 23 tonnellate circa; metilato di sodio per 5500 tonnellate di acidi grassi e acqua ossigenata. Al fine di verificare l’attuale stato dell’arte dei luoghi e quindi predisporre, qualora ce ne fosse il bisogno, eventuali azioni per assicurare la sicurezza del territorio e salvaguardare l’ambiente, l’Assessore al ramo, della Provincia di Matera, Gianni Rondinone, questa mattina contattato telefonicamente, ha assicurato che per la prossima settimana, sarà organizzato, coinvolgendo le autorità e gli enti competenti, Arpab e Vigili del fuoco, un ulteriore accertamento sul sito industriale.  

Share Button