Gli assessori di Pittella. Ecco le prime dichiarazioni. Welfare e dimensione europea

30-12-13_Giunta_PittellaAllo scadere del 2013 la Basilicata incassa novità insieme ai suoi assessori. Non più sei ma quattro, esterni, per lo più alla regione, che percepiranno il 50% in meno del contributo forfettario spettante ai consiglieri. Quattro assessori che hanno accettato la proposta del Presidente,  giunta – a loro dire – nelle giornate di sabato e domenica scorsi,  e che si dicono pronti a trasferirsi in Basilicata.

Ma nella conferenza stampa di ieri pomeriggio, i nuovi assessori si sono anche presentati, esprimendo idee sul futuro lucano. La Franconi, unica donna in giunta e con delega alla sanità, parte “con il vantaggio – ha dichiarato – dei conti in pareggio” e pertanto intende ” lavorare sul welfare” per garantire maggiore giustizia sociale. Ottati, originario di Satriano di Lucania, dedicato all’agricoltura, vuole rilanciare il comparto agricolo, “garantendo – ha spiegato – un assessorato in linea con le priorità tracciate dall’Europa”. L’assessore all’ambiente Berlinguer dal suo canto, precisa subito il suo spirito di servizio, non “invasivo rispetto ad altri ruoli – ha esplicitato – e alla sovranità del consiglio. E per quanto concerne il suo ramo, la sfida sarà quella – ha continuato – di “trovare l’equilibrio tra sviluppo infrastrutturale e rispetto dell’ambiente”. Infine, per Liberali, assessore al lavoro e alle attività produttive, che dichiara il suo impegno a partire dai prossimi giorni, bisognerà “cercare di superare la crisi profonda, in termini di politica industriale, e lavorare sul patto di sistema per l’occupazione e per la crescita”.

Questi per grandi linee i propositi che i nuovi assessori si sono posti e che ieri hanno esplicitato alla stampa. Intanto, ad incontro concluso, si è svolta già la prima giunta, mentre – va detto – sotto il palazzo c’erano ad aspettarli i precari dell’Alsia e i forestali dell’ambiente.

Share Button