“AllertaMeteoBas” è l’hashtag dell’emergenza

CATEPOL - allertameteobas“Raccontatemi cosa è accaduto, cosa non raccontano, i vostri disagi. Io vi manderò in onda”.

A scriverlo stamattina su Twitter la giornalista lucana inviata di Matrix, Francesca Barra per tentare di raccogliere le voci e dar voce ai corregionali che su Twitter e Facebook hanno per tutta la giornata di domenica informato dai propri territori l’Italia intera su quanto sta accadendo in Regione.

E sei i media cosiddetti “main stream” non hanno dato la giusta enfasi all’emergenza maltempo di Basilicata (e aggiungiamo Calabria) #allertameteoBAS faceva il giro della rete e diffondeva informazioni, spesso utilissime, per fronteggiare l’emergenza.

TRM network ha lanciato, riprendendolo, l’hashtag inaugurato pochi giorni prima dell’emergenza dal sindaco di Nova Siri, Pino Santarcangelo. Tag Ripreso da una moltitudine di lucani, che hanno inviato alle testate giornalistiche i propri video ed immagini a testimonianza di quanto stava accadendo in quelle ore.

Ancora una volta la Basilicata si è unita per aiutare se stessa e per raccontare il dramma all’Italia intera.

E così sul social network anche i vari volontari della Protezione Civile Lucana, a partire da quella regionale che ha diramato i puntuali bollettini sui rilievi dalle stazioni idrometriche che monitorano i livelli dei fiumi. Aquedotto lucano ha fatto, e continua a fare altrettanto sempre su Facebook. Così come occorre dirlo, in rete ha fornito informazioni, è il caso di dirlo, di vitale importanza il Centro Operativo Comunale (Coc) di Policoro, che nel social network ha informato e spesso coordinato gli interventi dei tanti volontari.

Sempre nella zona di Policoro dobbiamo segnalare l’opera, lasciatecelo dire, coraggiosa di Ottavio Frammartino, che col solo telefonino ha documentato puntualmente l’emergenza. Così hanno fatto anche i partner del nostro network che operano proprio nel metapontino. E’ grazie ai colleghi di JonicaTv che
TRM network ha aggregato e veicolato tutte le informazioni, dai comuni della regione.

Importante anche la rete comunicativa offerta dalla presenza attiva di molti sindaci lucani nel web ed alle tempestive comunicazioni della Sala Operativa Regionale di Protezione Civile.

I contatti registrati dai nostri canali, con oltre 25mila visite al sito e decine di migliaia di condivisioni tra Twitter e Facebook, ci dicono che qualcosa sta cambiando nel modo di informarsi e veicolare le notizie. Istituzioni, giornalisti e cittadini ieri hanno lavorato insieme.

Share Button