Mistero in Basilicata: un trasporto notturno con 300 militari al seguito sulla SS 106

enea

fonte jonicanotizie

Rotondella – La notizia è di quelle che mettono inquietudine. La notte scorsa, intorno alle 3,10, pare che un imponente schieramento di forze dell’ordine, 300 tra Finanzieri, Carabinieri e Poliziotti, abbia scortato qualcosa di ancora non identificato dal Centro Enea-Trisaia di Rotondella all’Aeroporto di Gioia del Colle. Orario di consegna, in terra pugliese, ore 6.00. Lo si apprende dal blog Toghelucane.blogspot in un articolo del giornalista Nicola Piccenna, ma anche dalla tanta popolazione locale presente, sulla SS 106 Jonica, in quel momento vista la serata prettamente estiva. Ad attivarsi immediatamente stamani con un comunicato stampa è stato anche il Senatore portavoce lucano del Movimento 5 Stelle, Vito Petrocelli, il quale in maniera più morigerata rispetto al giornalista Piccenna, che parla già di materiale radioattivo, rispetto all’oggetto del trasporto, usa ancora il condizionale ma ricorda, al contempo, quale sia la pericolosità del materiale presenti all’Itrec: si tratta – dice – di materiale, appunto, radioattivo, nella fattispecie di seconda e terza categoria; quest’ultima specie è la più pericolosa da gestire – sottolinea – sia per lo stoccaggio sia in caso di contaminazione ed è identificabile con quelle celeberrime 84 barre di uranio-torio che negli anni, tra il 1969 e il 1971, giunsero dagli Stati Uniti d’America alla Basilicata ai sensi di un accordo mai ratificato dal Parlamento italiano. “I Ministri della difesa e dell’interno – dichiara Petrocelli – diano risposte immediate rispetto a che cosa è stato spostato, questa notte, e come è stato fatto; se si è trattato di trasferimento di materiali della terza categoria – fa intendere – si spera l’abbiano effettuato con i contenitori ad hoc, ossia i cask. Questa volta – sottolinea – non ci sarà segreto militare che tenga perché stiamo parlando della salute dei cittadini e anche perché se tutto è avvenuto in tutta fretta si può legittimamente ipotizzare – dice – una probabile perdita delle acque contaminate delle piscine che raffreddano le suddette barre. In maniera più colorita il giornalista Piccenna raccontando della sua tentata telefonata al Comandante dell’Aeroporto Militare di Gioia del Colle, per ricevere rassicurazioni, riferisce che alle 8,30 stamani non era ancora sveglio. Intanto – conclude ancora Piccenna – andiamo a vedere se il Signor Prefetto di Matera è a bordo oppure altrove.

Share Button