Eni Viggiano, cattivi odori: malori tra la gente. Consigliere Mele: “attivare subito la Vis”

viaggianoViggiano – Continua ad essere preoccupata la comunità di Viggiano rispetto alle emissioni odorigene che provengono dal Centro Oli Eni. Le ultime notizie risalenti a Giovedì 18 Luglio, infatti, parlano di cattivi odori avvertiti nella zona, in maniera talmente intensa, da aver provocato in alcuni abitanti di Contrada Vigne, per la precisione, malori come, nausea, bruciori agli occhi secchezza della gola e, in certe persone, come nel caso dei due operai dell’Elbe Sud, anche vomito. L’inquinante incriminato si sospetta sia l’So2, ossia l’anidride solforosa; ad affermarlo è il Consigliere comunale d’opposizione di Viggiano nonché medico chirurgo, Giambattista Mele. Durante una conversazione telefonica Mele ci ha raccontato di aver comunicato subito l’accaduto ad Arpab e Prefettura al fine di sapere dagli stessi se ci fossero stati, tra le 9,30 e le 10,30, eventuali superamenti di soglie d’inquinamento; oggi sul sito dell’Arpab i valori dell’aria del 18 Luglio sono tutti nella norma ma qualcosa di anomalo c’è, se continuano a verificarsi queste tipologie di malori; “i cattivi odori erano così forti, sottolinea sempre Giambattista Mele, tra l’altro, da esser stati avvertiti sin dal Comune, quindi ben distante dall’area industriale, dal Sindaco in persona. Non può più bastarci – dice ancora il Consigliere – il monitoraggio che effettua l’Arpab il quale è solo un’acquisizione dei dati; abbiamo bisogno, invece, di uno studio sugli effetti che queste emissioni provocano sulla qualità dell’aria, dell’acqua, del suolo, riferiti allo stato di salute della popolazione. C’è un progetto, in tal senso, (V.i.s. Valutazione impatto sanitaria) – conclude Mele  – che è in cantiere da 4 anni; è una proposta congiunta del Comune di Viggiano e di Grumento Nova, ma ad oggi ancora niente. Vado in continuazione al Comune – dice – per avere notizie dal responsabile del procedimento tecnico; ma è tutto inspiegabilmente fermo”.

 

Share Button