“La destra” si presenta alla stampa

Matera – Il partito La destra presenta la propria delegazione lucana ed il suo relativo programma politico; lo ha fatto, stamani, 1 Dicembre, con una conferenza stampa presso l’Hotel San Domenico. Presenti, al tavolo dei relatori, Corrado Danzi, in qualità di Segretario Regionale del Partito, il vice Segretario, Stefania D’Ottavio, Sergio Manicone, come Responsabile Regionale del centro giovanile e dalla direzione nazionale Antonino La Veglia. “Ci rivolgiamo all’elettorato stanco, che non ha più voglia di andare al voto e che riempie le fila del precariato – così ha esordito Danzi – vogliamo con forza riaffermare i valori della destra sociale”. In questa direzione, è stata lanciata l’iniziativa del mutuo sociale: una raccolta firme per concedere al tasso fisso dell’1%, un prestito, garantito da un ente pubblico, la cui rata non deve comunque superare il 20% del reddito. Non siamo entusiasti ammiratori dell’euro hanno sottolineato ancora; non si può avere una moneta unica senza una comune politica economica. Ineccepibili proposte, poi, per dire stop alla casta e alla corruzione, sopratutto in tema di compensi, ma nulla a riguardo dei pochi controlli che ad oggi ci sono sulle finanze dei partiti, condizione che, negli ultimi tempi – come sappiamo – ha creato tantissimi scandali nel mondo politico. Poi altri punti del programma; prima gli italiani poi gli stranieri hanno detto. Alcuni italiani vorrebbero tornare a svolgere certi lavori, come le badanti – sottolineano – ma, ad oggi, difficilmente possono farlo, in quanto, il mercato è stato colmato dagli extracomunitari. Con tutto il rispetto per loro, ma gli italiani devono avere una priorità. Noi vogliamo stare da soli  – ha concluso Corrado Danzi. Non intendiamo fare alleanze. Dove ci sono troppi galli – ha ribadito Antonino La Veglia del direttivo nazionale – non fa mai giorno. E ancora – a conclusione La Veglia – ha sottolineato un altro caposaldo del La Destra ormai dimenticato da tutte le forze politiche: quello della famiglia. Per noi de La destra questo resta un valore imprescindibile.

Share Button