Tappa calabrese per il Siaft 3. B2b olio a Crotone

Crotone – La terza edizione del Siaft (South Italy agro food and tourism) fa tappa a Crotone con il B2b sul prodotto olio. Il progetto, ideato dalla Camera di Commercio di Matera, ha come intento l’internazionalizzazione dei prodotti del centro e Sud Italia al fine di aggirare la crisi che investe questa parte del territorio italiano. Gli enti camerali che stanno seguendo l’iniziativa della Camera di Commercio di Matera sono dieci, esattamente: Campobasso, Chieti, Cosenza, Crotone, Foggia, Isernia, Latina, Potenza e Siracusa. Nella splendida cornice crotonese erano presenti 36 aziende produttrici di olio, nelle vesti di seller, ossia venditori e 16 importatori, provenienti da Cina, Canada, Germania, Brasile nelle vesti di buyer, ossia compratori. Ricordiamo, i matching b2b sono incontri tra domanda e offerta, in cui sia i produttori, sia i potenziali acquirenti sono accuratamente selezionati al fine di realizzare trattative dall’elevata possibilità di successo; questo è l’elemento principale che li distingue dalle fiere. Nella tappa crotonese, argomento di grande persuasione, nelle trattative b2b, è stato il concetto di dieta mediterranea della quale l’olio è, appunto, uno degli ingredienti principe. In merito all’argomento, Giovanni Coretti, presidente del Cesp Matera, ha ricordato che “la Camera di Commercio  ha avuto un finanziamento insieme al Comune di Matera ed al Ministero per beni culturali con il quale –  dice – promuoveremo ancora la dieta mediterranea”.

 

Share Button