DIfficoltà di accesso al credito. Per le banche, le imprese devono patrimonializzare

Matera – Non è facile, in Provincia di Matera, sia per le imprese che per le famiglie, avere prestiti dalle banche. Gli istituti di credito, nonostante la Regione Basilicata abbia messo a disposizione fondi di garanzia e fondi di rotazione, non prescindono da una preventiva valutazione di affidabilità dei richiedenti; anche perchè questo è quello che richiede espressamente il Legislatore Europeo. Ieri mattina, in Prefettura, secondo incontro sul tema, dopo quello di Febbraio, alla presenza di istituzioni, banche e, questa volta, anche delle associazioni di categoria. Luigi Montemurro, presidente della sezione lucana ABI (associazione bancaria italiana) ha esortato le imprese del territorio a ripatrimonializzare le loro aziende se vogliono avere più credito dalle banche; “non si possono avere” ha detto – imprese povere ed imprenditori ricchi”. Dal mondo impresa, invece, il segnale è che “per fare questo non ci sono i mezzi”. Il Dipartimento agricoltura della Regione Basilicata, dal canto suo, in rappresentanza del settore colpito oltre che dalla crisi anche dalle avversità atmosferiche, ha sottolineato che per dar ancora più manforte alle aziende metterà mano non solo alle risorse comunitarie ma anche a quelle regionali. Dopo ore di confronto, in definitiva, è emersa la necessità di un ulteriore tavolo tecnico, operativo presso la Camera di commercio, per un lavoro cognitivo e ricognitivo sulle diverse problematiche dell’accesso al credito in provincia di Matera. Il rischio più temibile è che una situazione del genere diventi terreno fertile per l’usura.