Parlano i residenti a favore del taglio dei cipressi di via della Quercia

Matera – Sulla vicenda dei cipressi in via della Quercia, parlano, oggi,  con una lettera arrivata alla nostra redazione, i richiedenti dell’abbattimento ossia: Angelo Frangione, Domenica La Rotonda, Santo Coretti, Eustachio Paolicelli e Nicoletta Ruggieri. “La richiesta di abbattimento degli alberi – dicono – è stata depositata il 24 febbraio 2011 all’ufficio verde del Comune di Matera e agli uffici della Regione Basilicata nelle forme richieste, stante, appunto, il vincolo paesaggistico ricadente sull’intera zona. Una richiesta corredata da apposita perizia agronomica e tecnica. In aggiunta  – continuano -abbiamo ritenuto opportuno informare gli uffici investiti della richiesta dell’evento verificatosi il giorno 01/03/2011, (evento alluvionale)  consistente nell’intervento dei Vigili del Fuoco, a seguito dello sbrancamento di un albero indicato in perizia. Evento, quest’ultimo, che ha giustificato ed avvalorato i motivi della richiesta taglio, ossia: lapericolosità e l’instabilità delle alberature per mancanza di equilibrio statico. Di quanto accaduto – proseguono – è stato informato il Comune e gli uffici della Regione. L’Ufficio Regionale competente ha espresso parere favorevole in ordine alla richiesta di abbattimento presentata per esigenza di pubblica e privata incolumità, con prescrizine di reimpianto. Il parere citato è stato trasmesso alla Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio della Regione Basilicata. Il 21/03/2011, il Comune di MAtera (Settore Igiene e Ambiente) ha rilasciato autorizzazione all’abbattimento con prescrizione di nuove essenze arboree. Infine con determina dirigenziale del 9/06/2011, il Dipartimento Ambiente, Territorio, Politiche della Sostenibilità – Ufficio Urbanistica e tutela del paesaggio, ha autorizzato le opere richieste ai sensi delle vigenti leggi sulla protezione delle bellezze naturali e paesaggistiche, sulla base dell’acquisto parere vincolante espresso dalla Soprintendenza ai sensi dell’art. 146 D.Lgs 42/04. La nostra  richiesta taglio – quindi – è stata basata sull’accertamento di danni già subiti con visibili cedimenti interni, esterni e anche dei cordoli”. Quindi i 5 cittadini confermano, in sostanza, in questa lettera, esponendo le loro motivazioni, di aver assolto a tutte le necessarie autorizzazioni e la nostra emittente, in quanto, al servizio di ogni cittadino, oggi, ne dà voce.

Share Button