Immigrazione ed integrazione: presentato il progetto “4miss you rope”.

4miss you ropeMATERA – Nove i paesi nei quali è stata effettuata direttamente la  ricerca: Italia, Francia, Spagna, Austria, Grecia, Lettonia, Regno Unito, Romania e Bulgaria. 20 i volontari, in ciascun paese, coinvolti nelle fasi di raccolta ed anali dei dati. Sono questi solo alcuni dei numeri del progetto “4Miss you, rope”, promosso dall’Associazione Link di Altamura e dalle organizzazioni Partner Internazionali, i cui risultati sono stati illustrati mercoledì scorso a Matera, presso il complesso delle Monacelle. Il progetto, realizzato con il sostegno dell’Unione europea – Programma Europa per i cittadini e del Consiglio d’Europa, si è sviluppato intorno ai temi dell’immigrazione e della integrazione. Due, fondamentalmente, gli aspetti toccati nel corso della indagine, condotta dai volontari, come sottolineato da alcuni di loro, provenienti da ognuno dei nove paesi coinvolti, nel corso della conferenza stampa di presentazione: da una parte la raccolta delle interviste, realizzate attraverso un questionario e in modo assolutamente casuale (i risultati del progetto non hanno valenza statistica ma squisitamente percettiva). Dall’altra, l’analisi dei media, che, ad esempio in Italia, ha portato alla lettura quotidiana, e per due mesi, di tre giornali: La Gazzetta, il Mattino e il Quotidiano di Lecce. In ognuno dei nove paesi, immigrazione ed integrazione sono percepiti con sfumature diverse, in relazione anche al fatto che si tratti di un paese che riceve o genera flussi migratori. Dopo il meeting di preparazione in Bulgaria e quello che si è svolto questi giorni a Matera, nei primi mesi del prossimo anno verrà pubblicato un vero e proprio libretto, coi risultati del progetto.

Share Button