Amianto: manifestazione a Roma il prossimo 17 settembre.

associazione italiana esposti amiantoUna raccolta di firme, per una petizione in tutta Italia a favore del fondo per le vittime dell’amianto, a supporto della quale è in programma, per il giorno 17 settembre, a Roma, un vero e proprio presidio, per sollecitare il Governo alla emanazione del decreto attuativo del fondo vittime amianto, di 50 milioni di euro approvati dal Governo Prodi. È quella promossa dall’AIEA,  Associazione Italiana Esposti Amianto. In una nota, ricorda l’Associazione, secondo un elenco ricavato tramite il passa parola tra i lavoratori, ad oggi, solo tra i 3mila dipendenti diretti ex Enichem di Pisticci, almeno 150 persone, di cui 110 morti prematuramente, avrebbero contratto patologie tumorali. In Francia, sottolinea l’AIEA, nonostante un utilizzo di manufatti in amianto notevolmente inferiore a quello dell’Italia, è già operativo dal 2002 un impegno finanziario di 500milioni di euro, contro i circa 50 approvati dal Governo Prodi. Rivolgendosi, in una lettera, al ministro del lavoro e della previdenza sociale, Maurizio Sacconi, da cui l’AIEA si augura possa essere ricevuta una sua delegazione, il 17 settembre, l’associazione ricorda che si svolgerà a Torino, nei giorni 6,7 e 8 novembre prossimi la seconda conferenza nazionale sull’amianto. Nei giorni scorsi, intanto, una delegazione di lavoratori ex esposti, con le organizzazioni sindacali e l’AIEA, è stata ricevuta dal Presidente della Provincia di Matera, Franco Stella, che ha garantito l’appoggio e il patrocinio dell’ente provinciale alla manifestazione nazionale, promossa dalle sigle sindacali CGIL, CISL, UIL e l’Associazione Italiana Esposti Amianto, di giovedì, davanti al ministero del lavoro.