La Cciaa di Matera pensa allo sviluppo del turismo sul Piano

Uno scorcio di Serra Venerdì nel passato

Uno scorcio del rione Serra Venerdì nel passato

MATERA – I quartieri degli anni ’50 e gli itinerari del centro storico di Matera come nuova offerta turistica della città, principalmente rivolta a studiosi ed esperti di architettura che possano apprezzare costruzioni ed edifici simbolo del periodo tra Ottocento e Novecento. E’ l’idea alla quale sta lavorando la Camera di Commercio di Matera, con l’intenzione di coinvolgere operatori, ordini professionali ed enti locali, per un duplice scopo: valorizzare un indubbio patrimonio storico, architettonico e urbanistico di valenza anche internazionale e contribuire alla de-stagionalizzazione  dell’offerta turistica. Occorre ricordare che quartieri come Serra Venerdì, Lanera, Spine Bianche od il borgo La Martella sono ancora oggi oggetto di studio di manuali e pubblicazioni di settore, poiché frutto della progettualità di architetti di fama mondiale come Ludovico Quaroni, Carlo Aymonino o Luigi Piccinato. A questo si aggiunge la rilevanza architettonica di edifici del centro storico realizzati tra il Settecento ed il corso del Novecento, compresi quelli del ventennio fascista, tra i quali rientra anche lo stesso palazzo dell’ente camerale. A questo si aggiunge un percorso più teorico e didattico che può riguardare quanti risultano interessati all’evoluzione del dibattito e le successive applicazioni delle leggi speciali che hanno consentito il recupero dei Sassi. Tutto questo, insomma, secondo il Presidente della Camera di Commercio, Angelo Tortorelli non può restare fuori dai circuiti turistici. Tra l’altro in città esistono realtà imprenditoriali come agenzie di viaggi, o associative, che hanno già avviato un percorso di valorizzazione locale di questi itinerari. Imparare a conoscere la Matera più recente, infine, oltre che  contribuire a diversificare l’offerta turistica e culturale, sicuramente favorirà una ripresa del dibattito sulla pianificazione urbanistica e architettonica e sulla qualità della vita nei quartieri.

Share Button