Giuseppe Conte scioglie la riserva: molta Puglia e Basilicata nel nuovo Governo

Oltre allo stesso Conte anche i pugliesi Francesco Boccia (Affari regionali e autonomie) e Teresa Bellanova (Politiche agricole). Due anche i lucani nel nuovo esecutivo: Luciana Lamorgese (Interni) e Roberto Speranza (Sanità)

Il presidente del Consiglio è salito al Colle alle 14.40 circa per sciogliere la riserva e presentare al presidente della Repubblica Sergio Mattarella la squadra del nuovo Governo sostenuto da una maggioranza composta da Movimento 5 Stelle, PD e LeU.

La lista dei ministri del nuovo esecutivo è nata dopo una serie di interlocuzioni notturne tra martedì e mercoledì e diversi tavoli proseguiti nella mattinata. Uno degli ultimi nodi è stato quello relativo al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, la scelta è caduta su Riccardo Fraccaro del M5S, già ministro per i rapporti con il Parlamento nel precedente esecutivo.

Tra i ministeri di “prima fascia” confermate le voci circolate nei giorni scorsi sulla lucana Luciana Lamorgese che andrà a sostituire Matteo Salvini al Viminale, è la terza donna a ricoprire il ruolo di Ministro dell’Interno: potentina, ex prefetto di Milano, Lamorgese garantirà la discontinuità con il suo predecessore in tema di politiche sui migranti. L’altro lucano, Roberto Speranza da Potenza sarà ministro della Sanità.

Il pugliese economista Francesco Boccia (PD) molto vicino alle posizioni del governatore Emiliano, andrà agli Affari regionali e autonomie mentre l’altra dem pugliese, Teresa Bellanova sarà il nuovo ministro delle Politiche Agricole, la delega al turismo tornerà al Mibac che sarà guidato da Dario Franceschini già ministro nei precedenti governi a guida PD.

Ministro dell’Economia il PD Roberto Gualtieri così come alla Difesa con Lorenzo Guerini. La vicesegretaria del partito, Paola De Micheli andrà a sostituire il grillino Toninelli alle Infrastrutture, confermato invece alla Giustizia il pentastellato Bonafede. Sempre un 5Stelle andrà a guidare il dicastero dell’Istruzione, si tratta di Lorenzo Fioramonti che nel precedente esecutivo era già viceministro alla Scuola. Costa confermato all’Ambiente, D’Inca ai rapporti con il parlamento, Pisano all’Innovazione, Dadone alla P.A. Spadafora allo Sport, Bonetti alle Pari Opportunità, Amendola agli Affari Europei. Non ci sarà più Barbara Lezzi come ministro per il Sud che invece va all’esponente del PD Giuseppe Provenzano.

Il giuramento del nuovo esecutivo è previsto giovedì alle 10.00 al Quirinale.

Share Button