Regionali lucane. Altri big nazionali per il M5S, sostegno a battaglia climatica nel Csx e La Basilicata Possibile

C’è il sostegno all’ambiente tra i temi odierni cavalcati dal centrosinistra verso le prossime elezioni regionali lucane del 24 marzo. Il ‘Global Strike For Future’, che ha ricevuto l’adesione di una novantina di Paesi e più di 1.325 città, arriva oggi anche nella nostra regione. Appoggio questo movimento e le sue finalità – ha dichiarato il candidato presidente, Carlo Trerotola – e dedicherò e gran parte del mio impegno alla tutela dell’ambiente e della salute delle persone. Nel mio programma – ha aggiunto – ci sono azioni forti per la tutela dell’ambiente” con invito a leggere e commentare sui suoi canali online.

Nella coalizione, presenti attivamente al “Global Strike For Future” di Potenza, una delegazione dei Verdi, in coda al corteo di studenti ed associazioni, ed il candidato presidente de La Basilicata Possibile, Valerio Tramutoli.
“Bisogna modificare radicalmente il modello di sviluppo della società nel rispetto di ambiente e salute – ha dichiarato – in piazza, con i giovani e le giovani lucane, perché il futuro della terra è uno e riguarda la Basilicata come ogni altra parte del globo.”

Il Movimento 5 Stelle, invece, ha focalizzato l’attenzione sui sondaggi falsi degli ultimi giorni fatti girare “nella speranza – si legge sui social – di manipolare qualche voto. I lucani non sono ingenui, non si fanno prendere in giro con questi mezzucci. Buon voto a tutti.

Il candidato presidente, Antonio Mattia, dopo aver suscitato curiosità sul nome dell possibile assessore alla Sanità – individuato in un magistrato potentino – nelle prossime ore sarà affiancato a Potenza e Val d’Agri dal ministro in materia, Giulia Grillo.

Share Button