- trmtv - http://www.trmtv.it/home -

Regionali. Incontro di Pittella a Potenza, Mattia M5S nei ministeri romani, centrodestra in Standby

Messe da parte – temporaneamente – le vicende giudiziarie è tempo di far politica. E la voglia di tornare a praticarla nel cuore della Basilicata che decide è tanta. Così Marcello Pittella risponde al pranzo carbonaro degli antipittelliani del suo partito coi vertici di Mdp, tenuto al riparo dalle penne dei giornali e dagli obiettivi delle telecamere, con un appuntamento – a porte semichiuse – nel Park Hotel di Potenza, palcoscenico preferito della sua precedente campagna elettorale.

A mezzogiorno intorno ad un tavolo insieme ai rappresentanti delle segreterie del PD, ci sono gli esponenti dell’alleanza, e tra gli altri anche il deputato Vito De Filippo. Attesi all’incontro gli assessori di Giunta.

Bocche cucite dai partecipanti, anche se ufficialmente l’incontro è servito per fare il punto della situazione. Dai segnali che trapeleranno dipende il futuro elettorale del centrosinistra lucano. Se Pittella correrà per il bis come è lecito supporre, allora prenderà ancor più consistenza il progetto alternativo di Santarsiero, Lacorazza, Chiurazzi e Spada con gli MdP + Carmen Lasorella, che potrebbe culminare con la candidatura a presidente di Roberto Speranza.

Certamente da segnalare un lungo intervento del leader Socialista, Livio Valvano, fedele alleato di coalizione della maggioranza, che passa in rassegna le tappe della vicenda giudiziaria che ha investito il presidente uscente: “Pittella devi capire che sei considerato un pericolo da neutralizzare”.

Nel centrodestra le bocce sono ancora ferme. L’atteso annuncio dell’indicazione del candidato di coalizione che in molti prevedevano sarebbe arrivato a inizio di questa settimana non c’è stato. A premere sul freno, oltre ad alcuni ambienti di centrodestra – probabilmente in area leghista – ci sarebbero i guai del leader nazionale Salvini, alle prese con il caso “Diciotti” per il quale potrebbe andare a processo. La giunta per le immunità lo sentirà entro 7 giorni e quindi anche per questo, con ogni probabilità non è ancora arrivato il via libera sul nome del candidato lucano agli altri due alleati.

Se il centrosinistra e il centrodestra sono ancora in trincea, dalla prima linea chi procede pancia a terra verso il 24 marzo è il M5S e il candidato Antonio Mattia che dopo aver battuto i 131 comuni lucani e incontrato diverse associazioni nei giorni scorsi insieme alla viceministro Castelli, ha proseguito con il tour romano nei palazzi del potere grillino.

Qui lo vediamo col ministro delle infrastrutture Toninelli col quale ha avuto un “incontro di lavoro” basto sulle infrastrutture strategiche da realizzare per sostenere lo straordinario e innovativo piano di sviluppo previsto dal programma regionale 5Stelle: “Dopo aver condiviso che occorre una forte collaborazione tra Regione Basilicata e Ministero” ha riportato Mattia in un post su Facebook “abbiamo deciso che a breve faremo un incontro tecnico per definire le tempistiche”.

 

Share Button