Data regionali lucane. Leggieri (M5S): Franconi informi il Consiglio. Lacorazza (PD): “evitiamo il votiamo poi”

Continua il pressing di alcuni rappresentanti delle forze politiche in Consiglio regionale nei riguardi della vicepresidente della Giunta, Flavia Franconi sull’indicazione della data del voto

Il consigliere pentastellato Gianni Leggieri, in riferimento ad alcune notizie di stampa secondo cui dalla vicepresidente sarebbe partita una lettera al Viminale con la richiesta di posticipare il voto al 10 febbraio 2019, emersa nel corso dell’incontro di domenica della Lega a Matera, chiede “di informare i Consiglieri regionali e i lucani sui passaggi formali fatti nelle sedi istituzionali in merito alla data delle elezioni regionali” e al tempo stesso torna a ribadire l’indicazione del M5S lucano: “Si voti il 13 gennaio, mettiamo fine una volta per tutte ad una delle legislature più disastrose della storia della nostra regione e diamo un segnale di serietà ai cittadini lucani che meritano una nuova classe dirigente che li governi onestamente nel loro interesse”.

“Sulla data del voto concordo con il consigliere regionale del M5S: si faccia chiarezza e si scelga il 13 gennaio” sottolinea il consigliere Piero Lacorazza, sempre meno inquadrato nelle fila dem: “È stata la mia pozione assunta anche in difformità dal gruppo del PD per evitare la concomitanza con la manifestazione, prevista per il 19 gennaio, che avvierà l’anno di Matera Capitale Europea della Cultura” ribadisce Lacorazza il quale aggiunge: “e se la presidente facente funzioni dovesse indicare il 20 gennaio? Rimarrà questa data o sarà posticipata dal Governo Conte Salvini Di Maio di cui il M5S è principale azionista?. Non vorrei che il #votiamosubito” conclude ironicamente “si trasformi in un #votiamopoi”.