Legge elettorale lucana. Incontro della candidata Carmen Lasorella

La presidente dell’associazione ‘Lucani insieme’ (Luci), Carmen Lasorella – che nelle scorse settimane ha annunciato la sua candidatura alla Presidenza della Regione Basilicata – chiederà al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, di promuovere la questione di legittimità costituzionale su otto punti della legge elettorale regionale approvata lo scorso 11 agosto.

(LUCi – Lucani Insieme)

Lo ha annunciato la stessa Lasorella stamani, a Potenza, in una conferenza stampa. Il Viminale ha già presentato alla Regione alcuni rilievi che saranno esaminati dal Consiglio regionale il prossimo 2 ottobre: alcuni dei punti sollevati dall’associazione ‘Luci’ riguardano invece il computo dei voti attribuiti al candidato presidente, la presunta riconoscibilità del voto, il sistema delle soglie di sbarramento, e i sistemi di “sostituzione” del candidato presidente risultato secondo eletto e del consigliere nominato assessore.

“Si tratta di una legge – ha spiegato Lasorella – che penalizza le liste che corrono da sole: non è questione da addetti ai lavori, perché il testo mina il diritto di voto dei lucani, e per altro l’ipotesi di voto a gennaio è un problema, in un habitat climatico ostile”. Sui possibili schieramenti elettorali, Lasorella ha spiegato infine che “non ci sono preclusioni per i partiti, ma per la cattiva politica” e “il mio appello va alle liste civiche: correre da soli è penalizzante e noi dobbiamo tirare dentro la buona politica”.

Share Button