Amministrative 2018. 13 i comuni lucani al voto il 10 Giugno

Si terranno domenica 10 giugno in 769 comuni le elezioni amministrative per eleggere altrettanti nuovi consigli comunali; il turno di ballottaggio è fissato per domenica 24 giugno.Ma nessun ballottaggio ci sarà in Basilicata, dove poco più di 50mila lucani sono chiamati al rinnovo delle cariche politiche per 13 comuni, tutti al di sotto di 15mila abitanti. Un solo centro nel materano, ovvero il paese di Rocco Scotellaro, Tricarico, è coinvolto, dove la sfida sarà a tre; due ex sindaci, Melfi e Marsilio, e un medico, già assessore comunale Casalaspro, si contendono la carica di primo cittadini. I restanti 12 del potentino sono: Atellla, Castelluccio Superiore, Forenza, Genzano di Lucania,Muro Lucano, Pietrapertosa, Pignola. Ripacandida, Ruvo del Monte, Sasso di Castalda, Vaglio di Basilicata e Lavello, quest’ultimo comune più popoloso in termini di abitanti, dove il sindaco uscente Altobello Sabino, prova la ricandidatura. Nessun problema per la presentazione delle liste, tranne a Castelluccio Superiore, dove due candidati consiglieri, mancano di certificato elettorale, e la commissione elettorale deciderà martedì sulla loro ammissione.Per il resto quello che balza subito agli occhi leggendo le liste candidate, è la quasi mancanza di donne candidate alla carica di primo cittadino, tranne che per Viviana Cervellino a Genzano di Lucania, Barbara Mariani a Muro lucano e Maria Cavuoti a Pietrapertosa. Non stupisce invece, o forse è quasi fisiologico per i piccoli comuni, la quasi totale asssenza delle liste che portano il simbolo di partiti, eccezione fatta per Ripacandida, paese in cui la partita sembra davvero farsi interessante, con cinque liste, due delle quali portano il simbolo del Partito Democratico e del Movimento 5 stelle. Movimento grillino presente ufficialmente anche a Genzano di lucania e Lavello. Intanto c’è qualcosa che bolle in pentola da Viggiano, in vista delle Regionali di Autunno, dopo un incontro tra amministratori e imprenditori voluto proprio dal Sindaco di Viggiano, Amedeo Cicala; portando all’attenzione di una fetta politica, il tema dell’autonomia e del decentramento dei poteri; il primo di una serie di momenti di confronto con la società civile per creare un nuovo progetto politico. Ma per ora siamo solo all’inizio.  L’estate è ancora lontana prima di entrare in campagna elettorale, anche se alcuni animi, vedi il governatore Pittella e l’ex sindaco di Policoro Leone sulla questione acqua nel metapontino, si sono già riscaldati.

Share Button