Basilicata. I commenti dopo il rinnovo dell’ufficio di presidenza del Consiglio regionale

“Il Pd ha dimostrato che l’unità non è solo un concetto che sappiamo predicare, ma che se vogliamo sappiamo anche praticare”

A scriverlo in un comunicato è il segretario regionale della Basilicata del Pd, Mario Polese, commentando i risultati della votazione per il rinnovo dell’ufficio di presidenza del consiglio regionale.

Nel definire “non irrilevante il consenso con cui Vito Santarsiero è stato eletto presidente del Consiglio”, Polese ha detto che “questo passaggio è un segno chiaro di grande pacificazione, di grande unità che ci consegna un rinnovato spirito di ottimismo verso la missione che ci aspetta: quella del Governo questi ultimi otto mesi di consiliatura regionale. L’auspicio è che da questa elezione, emerga quello spirito che ci accompagni, non solo oggi, ma nelle settimane e nei mesi a venire, in un incedere nuovo. Devo riconoscere al presidente del gruppo Pd, Vito Giuzio di aver saputo interpretare con grande intelligenza, a tratti anche coraggiosa, una vicenda complessa e dagli esiti non certo scontati”.

Nel ringraziare il presidente uscente, Francesco Mollica, Polese ha detto che “chi oggi sale sull’Aventino non rende giustizia a quello spirito culturale e progressista che deve caratterizzare una coalizione ampia e aperta, come quella che noi rappresentiamo, e come noi miriamo a costruire nell’immediato futuro. Credo che il tratto inclusivo del presidente Pittella sia stato elemento distintivo e oggettivo, che nessuno può disconoscere. Sbaglia, oggi, chi prova a tirarlo per la giacca a chiedergli misure eccessive rispetto a quelle che sono le sue prerogative, le sue funzioni, alla luce del fatto che rispetto al passato c’è un partito e una maggioranza che noi vogliamo continuare a tenere coesa non dimenticando il reciproco contributo essenziale che le forze centriste hanno dato ad essa in questi due anni. Sapremo cogliere le legittime aspettative di tutte le forze centriste” ha concluso “e rilanciarle in un progetto culturale di società aperta cui tutte le forze progressiste non possono sottrarsi”.

Il presidente uscente Mollica si congeda: “Ricucire lo strappo fra politica e società”

“La presidenza del Consiglio regionale continui a rappresentare l’interlocutore privilegiato tra amministratori, cittadini ed ente Regione”

I miei auguri a lei presidente Santarsiero, che mi succede in un momento di grande confusione ed incertezza politica che necessita di una continuità che chiedo a lei di assicurare ancora. Confusione ed incertezza che è amaro constatare siano originate anche dall’interno di questa stessa Assemblea, amplificate in maniera abnorme sui giornali e recepita dalla comunità come un degrado della politica e delle istituzioni che la rappresentano, contribuendo di conseguenza ad accrescere quel sentimento di distacco e disaffezione che con impegno si era cercato di arginare”. 

“La continuità amministrativa che le chiedo” ha detto Mollica “serve anche a ricucire quello strappo che si è creato in questo momento ancora più evidente tra politica e cittadini oltre che a non disperdere quanto di buono è stato costruito e programmato. Ho infatti improntato il mio agire puntando a mantenere un nesso operativo con quanto avviato dal mio predecessore. Mi aspetto da lei che continui a rappresentare l’interlocutore privilegiato tra amministratori, cittadini ed ente Regione, augurandomi che quanto messo in campo dai suoi predecessori possa costituire per lei un punto di partenza che vada necessariamente proseguito per non disperdere quanto già operato e quanto in itinere. Presidente Santarsiero le auguro buon lavoro”.

Braia: Bene posizione unitaria del PD: “Dividersi non paga”

Per l’assessore regionale alle politiche agricole, Luca Braia la posizione finale e unitaria del Pd “è il punto di partenza imprescindibile in questa fase delicata e storica della politica regionale e nazionale. Dividersi non paga”.

Braia ringrazia i due predecessori di Santarsiero, Piero Lacorazza e Francesco Mollica, per  la funzione svolta in questa legislatura. “Gli alleati che condividono un percorso politico” ha aggiunto “sono stati, sono e saranno sempre più determinanti, anche in futuro, per le sensibilità che esprimono e per le porzioni di società che rappresentano. È per questo che bisognerà lavorare, per incrementare la loro rappresentatività finalizzata a far irrobustire il tratto riformatore e inclusivo del nostro operato”.

I prossimi mesi di governo del presidente Marcello Pittella – aggiunge Luca Braia “sono da vivere all’insegna dell’azione e nella definizione di una nuova piattaforma politica che possa rilanciare il Pd con Mario Polese ed il Centro Sinistra nella sfida del prossimo Novembre, legandolo a una società civile con la quale connettersi e con la quale contaminarsi”.

“È tempo di grande responsabilità” conclude l’assessore “così come è tempo di recuperare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni e nel loro operato. È tempo di dialogo e ascolto con le comunità, nei territori, è tempo di modificare la legge elettorale in ottica di genere e partecipativa, senza riserve alcune. È tempo di migliorare il lavoro fatto, insieme per la Basilicata”.

Share Button