Legge per Taranto: “delusione totale” per Peacelink, bene per Cgil

Gianni Liviano – Consigliere Regionale Puglia

Legge per Taranto. Ed è subito polemica. “Delusione totale” per non essere stati mai considerati, denuncia il presidente Alessandro Marescotti, all’indomani dell’approvazione della legge speciale per Taranto, in consiglio regionale: “Il lavoro di Peacelink è stato ignorato sia da Gianni Liviano (estensore della legge) sia dal M5S che evidentemente hanno ritenuto di ignorarci.”. L’associazione suggerisce di destinare i 300mila euro ai giovani laureati e ricercatori e non a “un gruppo di esperti che dovrebbero scrivere il “Piano strategico per Taranto”. Si sarebbe dovuto puntare di più, per Peacelink, sulla formazione dei giovani, per renderli preparati ad “essere la nuova classe dirigente” e i fondatori di “un centro di documentazione per la riconversione della città”. La legge inoltre, sempre per Marescotti, “ignora i lavoratori Ilva che verranno espulsi dalla fabbrica e per i quali occorre l’acquisizione di nuove competenze per le bonifiche”. Sulla stessa lunghezza d’onda di Peacelink, l’associazione Tutta mia la città.

Prima critica, ma poi invece si ricrede, la Cgil: “Auspichiamo che la legge possa continuare a camminare confermando lo stile partecipativo sinora utilizzato, ma anche riuscendo a rintracciare risorse sia per la sua piena attuazione sia per la catalizzazione di risorse ulteriori rispetto a quelle già previste sul piano degli investimenti previsti da Governo e Regione”.

Anche per Liviano bisogna “destinare una parte consistente dei fondi europei per lo sviluppo e la coesione territoriale, o – afferma – rischieremo di aver fatto solo un esercizio di buona volontà”. “Questa legge – spiega il consigliere regionale – affronta il tema del futuro dello sviluppo urbano e della comunita’ territoriale di Taranto ed impegna la Regione Puglia a sostenere l’accelerazione di processi di riposizionamento economico e produttivo, sociale e culturale nella citta’ di Taranto”, “restituendo alla comunita’ la dimensione del futuro”, operazione da compiere “in maniera integrata col tavolo Cis”.

Share Button