Aree interne, forum ad Aliano con De Vincenti: “Se riparte il Sud, riparte l’Italia”

Undici strategie approvate, tre in corso di approvazione (inclusa quella per la montagna materana) e, le altre, in fase intermedia o iniziale. Fa il punto sulle Aree interne il ministro per il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti, ad Aliano. “Ora si procederà con gli accordi di programma. Stiamo lavorando inoltre per le semplificazioni amministrative”. Le strategie per lo sviluppo delle Aree interne si basano su due esigenze, spiega: “Rafforzare i servizi primari a disposizione dei cittadini, quali Sanità, Istruzione e Trasporti, affinché i giovani possano vivere serenamente, mettere su famiglia e lavorare per potenziare le vocazioni produttive dei luoghi. C’è poi una ispirazione di metodo – continua De Vincenti – i sindaci sono il cuore pulsante della democrazia del Paese, e la strategia delle Aree interne fa perno su di loro, perché sono a stretto contatto con la gente. Sindaci, e Regione, coordinino con il Governo. Un percorso difficile – ammette il ministro – ma i fondi ci sono.

Conosciamo le difficoltà del Mezzogiorno ma anche le potenzialità utili a tutto il Paese: se riparte il Sud, riparte l’Italia. E questa dev’essere protagonista sulla scena internazionale”. Annuncia poi della sua presenza, con il Presidente del consiglio Gentiloni, a Matera (“non a caso a Matera”) lunedì prossimo: “Sarà un incontro tecnico sulle strategie per il Mezzogiorno”.

Approfitta del forum, il governatore regionale Marcello Pittella, per lanciare una provocazione: “Bene lo sforzo fatto dal governo Renzi e bene il Patto per il Sud. Sono passi da gigante, ma non basta”. “La Basilicata – aggiunge – da cenerentola è diventata vettore di tutto il Mezzogiorno. Ora abbiamo bisogno di un forte scatto in avanti culturale, bandendo la segmentazione che porta al microegosimo esasperato . Abbiamo bisogno di coesione. Il Mezzogiorno, con la Basilicata regione cerniera del Sud, diventi una grande piattaforma culturale e logistica del Mediterraneo e per l’Europa”.

Soddisfatto infine il sindaco di Aliano, Luigi De Lorenzo, il quale pero’, in tema di cassa, non le manda a dire: “Il Governo fa troppi tagli ai piccoli centri, quindi anche i sogni di un piccolo amministratore si rischia che vengano messi da parte: un Patto di stabilità troppo stringente ci crea grandi difficoltà”.

Share Button