Elezioni a Taranto: Ilva, ambiente e sanità per i candidati

Ambiente e sanità sono tra i temi al centro della campagna elettorale tarantina. Ieri il punto del ministro per il Sud De Vincenti sul CIS che riguarda pure i due argomenti, e l’incontro con sindacati e Confindustria su Ilva: “Il Governo porterà avanti gli interventi avviati”, ha detto il ministro che sostiene il candidato Rinaldo Melucci il quale vanta di compattare il centrosinistra e il Pd, primo partito in Italia: “Non possiamo prescindere dal dialogo diretto e fecondo col Governo. Mai più compromessi su Ilva: daTaranto parta il rilancio dell’intero Mezzogiorno”.

La continuità degli interventi su Taranto è fondamentale anche per la candidata del centro destra Stefania Baldassari: “La città mette la faccia quindi sia Taranto a dettare le regole”. Oggi la presentazione della lista Forza Taranto (Forza Italia), con i coordinatori regionale e provinciale Vitale e Di Fonzo.

Contesta le proroghe alla cessione dell’Ilva Vincenzo Fornaro, nonostante De Vincenti proprio ieri abbia ripetuto che a fine maggio sarà conclusa la procedura: “Continuano a prorogare la cessione per rimandare a dopo le elezioni, perché si prospetta un piano industriale lacrime e sangue”. C’è Angelo Bonelli dei Verdi con Fornaro. Pone quattro quesiti al procuratore Capristo. Se non sia illegittima l’immunità penale garantita agli acquirenti Ilva, se non sia illegittima l’inottemperanza dell’Aia, se non è vero che si inquini ancora, e che ci sia quindi un reato continuato.

Sull’emergenza tarantina c’è l’appello anche di Piero Bitetti: “L’Assessore Regionale alla Sanità – afferma – deve essere tarantino”, ed il nuovo sindaco “rivendichi la riattivazione dei pronto soccorso, incrementi i posti letto, il personale e attivi branche chirurgiche innovative”.

Domenica sarà a Taranto Luigi Di Maio per Francesco Nevoli, M5S. In tema di ambiente, ha dichiarato alcuni giorni fa alla Gazzetta del Mezzogiorno: “Rivoluzionerei tutto, partendo dal cilclo dei rifiuti”.

Potenziare il pronto soccorso anche per Franco Sebastio. E creare il polo oncologico. garantire poi la legalità in tema ambientale: ovvio, viste le battaglie di quando era procuratore a capo dell’inchiesta Ambiente svenduto. Indagine scattata dalle denunce del candidato Luigi Romandini. Quindi legalità e tutela dell’ambiente anche per lui. L’economia ecosostenibile torna spesso nella campagna di Brandimarte, aperto comunque al dialogo con Confindustria. Pino Lessa esordi’ col dire che “il problema dell’inquinamento a Taranto è sopravvalutato”. E Mario Cito: “Non sono cambiato, sono lo stesso che ha fatto salire la città nella classifica per vivibilità”.

Share Button