Scissione nel PD. I commenti delle componenti lucane del partito

Il giorno dopo l’assemblea PD sono diversi i commenti delle componenti lucane del partito

Marcello Pittella, presidente Regione Basilicata

“Il congresso è un valore aggiunto” scrive Marcello Pittella, presidente della Basilicata, “si può e si deve

fare con un Pd capace di stare insieme nella sua totalità, senza fughe, scarica barili e ricerca di responsabilità. Chiediamoci piuttosto come continuiamo a lavorare per il bene del Paese pure con visioni differenti” per il lucano “questo patrimonio non può essere disperso e la diversità di opinioni è e sarà il valore aggiunto per un Paese che merita onestà intellettuale, competenza e cultura politica”.

Salvatore Margiotta, senatore lucano

Più critico verso la minoranza è Margiotta: “Dopo aver ascoltato Emiliano ho la netta sensazione che si siano scissi gli scissionisti” scrive il senatore vicino a Matteo Renzi che aggiunge “Renzi si è dimesso da Presidente del Consiglio e da Segretario del PD non ponendo alcuna condizione. Di fronte ad argomenti così limpidi e cristallini, le ragioni di chi minaccia scissioni sono state balbettanti”.

Piero Lacorazza, consigliere regionale lucano PD

Sull’altro fronte c’è Piero Lacorazza che con Emiliano è stato tra i promotori del Referendum anti-trivelle impegnato già in queste ore in una consultazione con la base per rispondere alla domanda. “Cosa farai, resti o vai via? Queste sono le domande che mi vengono rivolte dopo l’assemblea” ribadisce il consigliere regionale “posso solo dire che sono stato tra coloro che ha parlato con Emiliano chiedendogli di provare a dare un ramoscello di ulivo”.

Share Button