Regione Basilicata, via libera all’esercizio provvisorio 2017

Ha preso vita la lunga coda di fine anno al Consiglio regionale di Basilicata, chiamato entro il 31 dicembre ad approvare i bilanci e la tanto attesa riforma sanitaria sulla quale sono emerse le posizioni alternative in seno alla maggioranza. Il tutto, mentre nei lavori del martedì è passato a maggioranza – contrari Movimento 5 Stelle, Fratelli d’Italia e Romaniello del Gruppo Misto – un disegno di legge che autorizza la Giunta regionale all’esercizio provvisorio del bilancio di previsione 2017 a decorrere dal 1 gennaio fino all’entrata in vigore della relativa legge di bilancio e comunque non oltre il prossimo 30 aprile. Autorizzato anche l’esercizio provvisorio di enti e organismi istituzionali e strumentali: Consiglio regionale, Apt, Ardsu, Arpab, Parco regionale Gallipoli Cognato e Piccole Dolomiti lucane e Parco regionale Chiese rupestri del materano.

Il parlamentino lucano ha poi approvato all’unanimità una mozione proposta dal consigliere del Movimento 5 Stelle, Leggieri, che impegna il presidente Pittella ad esprimere entro sette giorni il parere negativo sull’istanza del permesso di ricerca su terraferma “Masseria La Rocca” a Brindisi di Montagna, a pochi chilometri da Potenza, avanzata dalla società Rockhopper Italia Spa. Sul tema, discussione accesa, tra gli altri, con il capogruppo del Partito Democratico, Cifarelli, che ha parlato dell’importanza del diniego a tutela del territorio e della salute dei cittadini, senza per questo portare avanti il teatrino della politica. Tra il pubblico, inoltre, presenti comitati e liberi cittadini, i quali avevano promosso un sit in per chiedere un impegno urgente. Dal canto suo, l’assessore all’Ambiente Pietrantuono ha confermato il lavoro in Dipartimento per “corroborare sul piano tecnico la scelta di far ricorso al Tar del Lazio, contro la decisione del Ministero di prorogare il procedimento di screening.”

Tra gli altri provvedimenti, approvata una mozione all’unanimità per verificare il regolare pagamento delle note spese di novembre e dicembre 2015 nei confronti dell’Aias, realtà riabilitativa per disabili, alla quale dovrà essere riconosciuto “un pari trattamento sul servizio trasporti in semiresidenziale” a seguito dell’ampliamento delle attività con 15 posti letto presso il Centro di Scanzano Jonico, nel materano. Lavori del Consiglio aggiornati a distanza di 24 ore.

Share Button