Consiglio regionale lucano straordinario su mancata parifica rendiconto 2015

Consiglio regionale della Basilicata convocato in seduta straordinaria su richiesta dei consiglieri Napoli, Castelluccio (Forza Italia), Leggieri, Perrino (Movimento 5 Stelle) e Romaniello (Gruppo Misto), che hanno chiesto, ai sensi dell’art. 32 del nuovo Statuto regionale e dell’art. 53 del Regolamento interno, una comunicazione del presidente della Regione Marcello Pittella sulla mancata parifica del Rendiconto generale della Regione Basilicata per l’esercizio finanziario 2015 certificata dalla Corte dei Conti.

Ad anticipare i lavori, una lunga seduta congiunta di seconda e terza commissione, incentrata principalmente sulla variazione ai bilanci di previsione pluriennale 2016/18.

“Gli uffici regionali hanno bisogno di tempo per esaminare una pratica complessa e voluminosa, e non semplice, come quella che riguarda i motivi alla base della mancata parifica del bilancio da parte della Corte dei conti: l’obiettivo è di fondare l’azione di governo su atti formali, a partire dall’approvazione del rendiconto 2015”.

Ha detto il presidente della giunta regionale della Basilicata, Marcello Pittella, nel corso della seduta straordinaria del Consiglio regionale dedicato alla vicenda.

“Non facciamo una caccia alle streghe” ha aggiunto Pittella “ma auspichiamo un clima di confronto sobrio, anche severo, ma diretto a un approccio responsabile. Nelle prossime settimane sarà pronto il consuntivo che terrà conto dei rilievi della Corte, con un cronoprogramma stabilito, che ci auguriamo possa portarci all’approvazione di tutti gli atti entro la metà di gennaio”.

La seduta è cominciata con un intervento del presidente del Consiglio, Franco Mollica, sulla giornata mondiale contro le violenze sulle donne: al centro dell’aula è stata posizionata una sedia rossa con la scritta “contro il femminicidio, posto occupato”, nell’ambito di un’iniziativa nazionale della Commissione per le pari opportunità: “Ogni volta che una donna muore – ha detto Mollica – un pezzo della nostra dignità se ne va, e questa è una battaglia di tutti, una battaglia di civiltà”.

Dopo la comunicazione di Pittella c’è stato il dibattito durante il quale sono intervenuti i consiglieri Michele Napoli (Pdl-Fi), Giannino Romaniello e Aurelio Pace (Gm), Gianni Leggieri (M5s), Piero Lacorazza e Roberto Cifarelli (Pd) e Gianni Rosa (Lb-Fdi).

Share Button