Matera. Il presidente della Basilicata Pittella annuncia la ricandidatura

Tra i tanti temi al centro dell’incontro “Partiamo da Sud” promosso da Legacoop a Matera il presidente della Regione Basilicata ha affrontato anche tematiche di natura più squisitamente politica.

Sui rapporti con il governo nazionale per Pittella occorre dialogare e mettere in campo in modo inedito una “metodologia di concertazione che fino a qualche tempo fa non abbiamo mai registrato nel territorio italiano”.

“Abbiamo vissuto in pieno il fallimento del ‘fai da te’ delle Regioni” ha aggiunto, metodo “che negli anni ha creato un cortocircuito”.

Cambiano i tempi e le condizioni: oggi per Pittella il governo nazionale parla di Mezzogiorno in un contesto politico più difficile rispetto al passato e nonostante tutto le risorse arrivano ma occorre collaborare tra regioni.

Il governatore lucano, vede con ottimismo il futuro, la Basilicata e il sud più in generale necessitano di più qualità di servizi:

“Io non mi iscrivo al partito dei demolitori. Vedo il bicchiere mezzo pieno” ha aggiunto Pittella “serve per questo il dialogo con il governo”.

Un governo del quale è appassionato sostenitore, a partire da Matteo Renzi del quale condivide in relazione al referendum, la necessità di far vincere il Sì. E quasi in un esercizio di empatia anche lui, Pittella cerca di prendere le distanze dalla personalizzazione dell’appuntamento referendario, voluta proprio dal premier all’inizio della campagna: “Il tema del referendum non é mandare a casa o meno Pittella. Io non ci sto. I cittadini vanno recuperati al contenuto”.

Il presidente poi, in chiusura di incontro annuncia: “alla scadenza del mandato mi ricandiderò” ma specifica “ovvio che dovrò guadagnarmi questa riconferma, che non dipende solo da me, ma da tutta la squadra. Io ce la sto mettendo tutta”.

Share Button