Amministrative 2016. Tra Puglia e Basilicata, al voto in 85 comuni

elezioni_comunali_2015_1Per tutte le forze politiche le prossime elezioni amministrative rappresenteranno un test importante. In Basilicata il PD si presenterà con tutte le sue divisioni e con il fenomeno dei movimenti civici che nelle passate elezioni è stato determinante per le sorti dei due capoluoghi.

A questa tornata c’è però un altro soggetto che potrebbe rappresentare, a seconda di come la si guardi, una piacevole o nefasta sorpresa: Sinistra Italiana, che sta assorbendo diverse risorse in area di centrosinistra. Occhi puntati in Basilicata, in particolare sui due comuni dove c’è l’incubo del ballottaggio (Melfi e Pisticci) o a Lauria, patria del presidente Regionale.

Sotto osservazione in Puglia ci sono invece i popolosi comuni di Gallipoli e Nardò in provincia di Lecce e  quelli di Ginosa, Grottaglie e Massafra nel tarantino.

Alla passata tornata elettorale amministrativa nel 2015, il centrodestra si accaparrò quelli più importanti, ma quest’anno la gara è apertissima. Anche qui i movimenti civici avranno il loro peso nel quadro delle alleanze, tanto a destra quanto a sinistra. In più i motivi di dibattito nel centrosinistra sono rappresentati dall’avvicinamento al partito maggioritario (il PD di Emiliano) da parte di importanti pezzi di centrodestra (vedi il caso Bisceglie). Tanto che a Fasano sono in discussione le primarie per la scelta candidato dei democratici proprio perchè uno di loro è sostenuto da esponenti nati in quell’area.

Ancora non è nota la data ufficiale delle Elezioni Comunali di primavera che interesseranno 58 su 258 comuni della regione Puglia e 27 su 131 in Basilicata.

Il doppio turno col sistema maggioritario per legge interessa quei comuni con popolazione superiore alle 15mila unità. In Puglia sono 16 (Adelfia, Gioia del Colle, Noicattaro, Palo del Colle, Ruvo di Puglia, Triggiano, Fasano, San Giovanni Rotondo, Torremaggiore, Gallipoli, Nardò, Ginosa, Grottaglie, Laterza, Massafra e San Giorgio Jonico) mentre in Basilicata soltanto 2 (Pisticci e Melfi)

Comuni al Voto, provincia per provincia

In provincia di Bari sono 8 i comuni interessati dalla tornata elettorale: Adelfia, Gioia del Colle, Locorotondo, Noicattaro, Palo del Colle, Ruvo di Puglia, Sannicandro di Bari e Triggiano.

Tre nella provincia BT (Minervino Murge, Spinazzola e Trinitapoli) e in quella di Brindisi (Cisternino, Fasano, San Pancrazio Salentino).

Dieci in quella di Foggia (Alberona, Ascoli Satriano, Candela, Salanuovo Monterotaro, San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis, Serracapriola, Torremaggiore, Vieste e Zapponeta), ben 23 in provincia di Lecce (Alessano, Alliste, Cannole, Caprarica di Lecce, Castrignano del Capo, Cavallino, Collepasso, Cutrofiano, Diso, Gallipoli, Lizzanello, Melissano, Nardò, Nociglia, Patù, Poggiardo, San Pietro in Lama, Sanarica, Sogliano Cavour, Taurisano, Taviano, Trepuzzi e Ugento) e 11 in quella di Taranto (Avetrana, Fragagnano, Ginosa, Grottaglie, Laterza, Massafra, Monteparano, Roccaforzata, San Giorgio Ionico, Statte e Torricella).

In Basilicata nella provincia di Potenza si vota in 20 comuni (Balvano, Campomaggiore, Cancellara, Castelluccio Inferiore, Fardella, Francavilla in Sinni, Ginestra, Grumento Nova, Lagonegro, Lauria, Melfi, Oppido Lucano, Paterno, Rionero in Vulture, Ripacandida, San Chirico Raparo, San Martino d’Agri, Sarconi, Tramutola e Trecchina) mentre in quella di Matera sono 7 (Aliano, Ferrandina, Grottole, Montescaglioso, Oliveto Lucano, Pisticci e Scanzano Ionico).